Last tango in Berlin - Ultimo tango a Berlino

The contrabass is ready, the bags are at its side. The same arms, the same legs, the same eyes always, who look far away without fear without hope. At the age of almost 43 I leave Berlin. Two years of "Willkommenskultur" were a storm too strong for a small boat. And not to end up like these floating woods that once belonged to glorious ships, I lift my sails and let myself be carried elsewhere. There will be a way later to get back on track, windward. As far as emigrating from North to South today, it is already a turn in the opposite direction.
According to a study titled "The future of Europe" of the UBS quoted in Loretta Napoleoni's book "Merchants of Men", the European Union will need 1.8 million new workforce per year for the next 10 years. This means that the last two years were not an emergency. This is because the European Union and the German bankers would think that Europe should compete with the United States and China at internal production levels. To do this, it needs more workers and especially more competition among them to contain wages by playing on the alleged differences between indigenous and immigrants. Therefore, the Willkommenskultur will be the European policy of the next 10 years, with Angela Merkel candidate for the role of lifelong spiritual guide on the old continent. Where is the problem, Miche, are not 25 years since you struggle for the right to migrate and the duty to welcome? Is not this the ideal situation, what you always dreamed of? Berlin should not today be the country of Hänsel and Gretel for you? The German state pays, activists activate, open associations, "integrate" the refugees, the German economy benefits. This is the recipe. The dissent from the left gets loose and turns down, the one from the right for now growls, then who knows.
I spoke recently here in Berlin with an American citizen friend. He works in a refugee hub, which is to promote initiatives to encourage their integration, to make them feel part of German society. I asked him: but how many of the refugees you work with want to integrate and who still have the hope of returning to Syria or their country perhaps within a year or two? Never asked this question before. It is not present in the form that the German State has prepared to "welcome" the refugees. The message is clear: you study, you integrate, and here you will have a place to live. Maybe not the place for your dreams, but it's always better than to die under the bombs. So doing that, it seems a bit of a threat to a Jew at the entrance to a concentration camp. Work makes you free, you know. "Refugee welcome", therefore, what exactly does it mean? We are not facing a dinner invitation, not even an exodus due to natural disasters, but rather an evident social engineering scheme. After Europe, Germany in the lead, sold the biggest arms trade in history to the Middle East, this attitude doesn't mean welcoming, it is not even charity, it is not hypocrisy, it is exploitation.
I don't even want to discuss about freedom of movement, I am against the concept of state and therefore of borders, regardless. However, what I mean is that there is a southeastern south-east belt around Europe that is on fire, not by accident. There is a first or more secure bearing belt: Turkey, Israel, Egypt, Algeria, Morocco. Then an immediate outside circle that is on fire: Syria, Ethiopia, Somalia, Sudan, Mauritania, Niger, northern Nigeria, Mali, Mauritania. All these states, if not openly out of control, have large parts of territory, the more Saharan ones, completely in the hands of criminal armed gangs. And then, at this moment, there is Libya, which acts as a funnel, a passage for this mass exodus to Europe. What does this state of affairs produce? Who benefits? To boil all this part of the globe one needs many weapons, Europe so far takes the first advantage. These armed bands do dirty work, and despite ideologically relying on anti-European propaganda, they often offer themselves as local guards for big multinationals, boosting resource exploitation. They also manage the proceeds of men's traffic. When the migrant leaves from the Libyan coasts, whether on an equipped boat or not, to be saved little after the Libyan waters from a non-governmental ship or not, reaching the coasts of Italy or not, has already emptied his personal pockets in the pockets of traffickers. And so the human trafficking system has got to consolidate. Europe has decided to use the principle of natural selection to skim the number of lucky new Europeans. If that's the case, then Berlin is not a laboratory anymore, it's a showcase. Its inhabitants seem to be athletes of a marathon who at the finish line escalate to enter the group photo. There are the privileged, the survivors and those who made it. All these categories have something to celebrate. Merkel's spirit wanders in the streets and seems to whisper: "Well, you did it, bite it a bit now, because in the morning you will wake up with donkey's ears".
Berlin is cluttered with adventurers, young people with money, at least enough money to pay for one or two years here to do nothing, little bourgeoisie in southern Europe, others thrust out of the mid-east wars (fought with German weapons) that perfectly fit into the narrative of young dandy from Middel East. The two narratives, both toxic, the German and the Middle Eastern one, need each other. The first to build a false myth of a friendly country, the second to nourish narcissism wounded after being the protagonists of a naive and failed revolution, in other words one of the greatest disasters in history.
Berlin is a lie, it's a cold experiment. Where even the given elements, carefully selected, no longer behave as usual, but, disaggregated by the vacuous pressure of the surrounding aseptic environment, they become pale, fake, spooky for the reward they deserved, the one one owes to the laboratory mouse that has well behaved.
Berlin rests on a big lie.
Berlin today is this, unfortunately.
"Ich habe meinem Herzen an: Ich habe mein Gewissen lang betrogen, ich hab 'mich selbst und andere belogen. Ich habe früh des jammers ganze Bahn - Ich hab' gewarnt - nicht hart genug und klar! Ich schuldig war ".
"I accuse myself from my heart, I betrayed my conscience, I lied to myself and others, I already knew the train disturbances, I signaled it but not so hard and clear enough and now I know what I am guilty of".
This passage is derived from the "Schuld" sonnet, included in the "Moabiter Sonette" by Albrecht Haushofer, written in the last months of his imprisonment in the Moabit Prison in Berlin in 1945 before being killed on the eve of the Berlin liberation by the Red Army. What Germany will have to regret tomorrow we do not know, we are still living these days. But on one thing, Haushofer's times are no different from these: it's all a lie!
In any case, my human geography moves me to the south, towards the outskirts of the empire, towards a Mediterranean style that will at some point find back its lost dignity.
But now silence. Let the piano play this last tango in Berlin.
And let the girl grow free.

 

 

 

Il contrabbasso è pronto, le borse gli stanno a fianco. Le stesse braccia, le stesse gambe, gli stessi occhi di sempre, che guardano lontano senza paura e senza speranza. Sulla soglia dei 43 anni lascio Berlino. Due anni di "Willkommenskultur" sono stati una tempesta troppo forte per una piccola barchetta. E per non fare la fine di questi legni galleggianti un tempo appartenuti a navi gloriose, alzo le vele e mi lascio trasportare altrove. Ci sarà modo più avanti per rimettersi in rotta, controvento. Per quanto emigrare da Nord a Sud, oggi, sia già una porsi in direzione contraria.
Secondo uno studio citato titolato "The future of Europe" dell'UBS citato nel libro "Mercanti di uomini" di Loretta Napoleoni (Rizzoli), l'Unione Europea avrà bisogno di 1.8 milioni di nuove persone in forza lavoro all'anno per i prossimi 10 anni. Questo significa che quella degli ultimi 2 anni non era un'emergenza. Questo perché l'unione europea e i banchieri tedeschi avrebbero pensato che all'Europa serva competere con Stati Uniti e Cina a livelli di produzione interna. Per fare questo ha bisogno di più lavoratori e soprattutto di più competizione tra questi, per contenere i salari giocando sulle presunte differenze di classe tra autoctoni e immigrati. Pertanto la "Willkommenskultur" sarà la politica europea dei prossimi 10 anni, con Angela Merkel candidata al ruolo di guida spirituale a vita del vecchio continente. Dov'è il problema, Miche, non sono 25 anni che lotti per il diritto a migrare e il dovere di accogliere? Non è la situazione ideale questa, quella che hai sempre sognato? Berlino oggi non dovrebbe essere il paese di Hänsel e Gretel per te? Lo Stato tedesco paga, gli attivisti si attivano, aprono associazioni, "integrano" i rifugiati, l'economia tedesca ne trae beneficio. Questa è la ricetta. Il dissenso da sinistra si placa e si trasforma, quello da destra per ora ringhia, poi chissà.
Ho parlato di recente qui a Berlino con un amico cittadino americano. Lavora in un'associazione che si occupa di accoglienza dei rifugiati, che consisterebbe nel promuovere iniziative volte a favorire la loro integrazione, a farli sentire partecipi della società tedesca. Gli ho chiesto: ma quanti dei rifugiati con cui lavorate desiderano integrarsi e quanti invece hanno ancora la speranza di tornare in Siria o al loro paese magari entro un anno o 2? Mai posta questa domanda prima. Non è presente nel formulario che lo Stato tedesco ha preparato per "accogliere" i rifugiati. Il messaggio è chiaro: studi, ti applichi, ti integri e qui avrai un posto per vivere. Magari non il posto dei tuoi sogni, ma sempre meglio che morire sotto le bombe. Che messa così, sembra un po' una minaccia fatta a un ebreo all'ingresso di un campo di concentramento. Il lavoro rende liberi, si sa.
"Refugee welcome", pertanto, cosa significa esattamente? Non siamo di fronte ad un invito a cena, nemmeno ad un esodo dovuto a catastrofi naturali, bensì a uno schema di ingegneria sociale piuttosto evidente.
Dopo che l'Europa, Germania in testa, ha venduto la più grandi partita di armi della storia al Medio Oriente, questo atteggiamento dunque non è accoglienza, non è neanche carità, non è neanche ipocrisia, è sfruttamento.
La libertà di movimento non la voglio nemmeno discutere, sono contro il concetto di Stato e quindi di confine, a prescindere. Però, quello che voglio dire è che esiste una cintura sud sud-est intorno all'Europa che è in fiamme, non a caso. Esiste una prima cintura cuscinetto, più o meno sicura: la Turchia, Israele, l'Egitto, l'Algeria, il Marocco. Poi un cerchio immediatamente esterno che è in fiamme: Siria, Etiopia, Somalia, Sudan, Mauritania, Niger, nord della Nigeria, Mali, Mauritania. Tutti questi Stati se non apertamente fuori controllo, presentano ampie parti di territorio, quelle più sahariane, completamente in mano a bande armate criminali. E poi, in questo momento, esiste la Libia, che funge da imbuto, da passaggio per questo esodo di massa verso l'Europa. Cosa produce questo stato di cose? Chi ne trae giovamento? Per tenere in ebollizione tutta questa parte di globo servono molte armi, l'Europa per tanto ne trae il primo giovamento. Queste bande armate fanno il lavoro sporco e, nonostante si fondino ideologicamente su una propaganda anti-europea, si offrono spesso come guardie locali per le grandi multinazionali, amplificando lo sfruttamento delle risorse. Inoltre gestiscono i proventi del traffico di uomini. Quando il migrante salpa dalle coste libiche, che sia su una barca attrezzata o no, che venga salvato poco fuori le acque libiche da un'imbarcazione non governativa o no, che raggiunga le coste italiane o no, ha già svuotato le sue personali tasche nelle tasche dei trafficanti. E pertanto il sistema del traffico di umani ha avuto modo di consolidarsi.
L'Europa ha deciso di utilizzare il principio della selezione naturale per scremare il numero dei fortunati nuovi europei. Se le cose stanno così, allora Berlino non è un laboratorio, è una vetrina. I suoi abitanti sembrano gli atleti di una maratona che al traguardo sgomitano per entrare nella foto di gruppo. Ci sono i privilegiati, i sopravvissuti, gli scampati e gli arrivati. Tutte queste categorie hanno qualcosa per festeggiare. Lo spirito della Merkel si aggira per le strade e sembra sussurrarti: "bravo, ce l'hai fatta, goditela ancora un po' perché domattina ti risveglierai con le orecchie da somaro".
Berlino è intasata di avventurieri, gente giovane con soldi, perlomeno soldi abbastanza per pagarsi uno o due anni qui a fare niente, piccola borghesia del sud Europa, altri sbalzati dalle guerre in medio oriente (combattute con armi tedesche) che perfettamente calzano nella narrativa del giovane dandy all'orientale. Le 2 narrazioni, entrambe tossiche, quella tedesca e quella mediorientale, hanno bisogno una dell'altra. La prima per costruirsi un falso mito di paese accogliente, la seconda per lenire il narcisismo ferito dopo essere stati i protagonisti osannati di una rivoluzione ingenua e fallimentare, in altre parole uno dei più grandi disastri della storia.
Berlino è una frottola, è un esperimento a freddo. Dove anche gli elementi presenti, selezionati accuratamente, non si comportano più come solito, ma sono disarticolati dalla pressione a vuoto dell'ambiente asettico circostante, perciò diventano pallidi, finti, spocchiosi per una presunta rendita di posizione che frutta solo la ricompensa che si deve al topo di laboratorio che si è ben comportato.
Berlino poggia su una grande bugia. Berlino oggi è questo, purtroppo.

"Ich klage mich in meinem Herzen an: Ich habe mein Gewissen lang betrogen, ich hab' mich selbst und andere belogen. Ich kannte früh des jammers ganze Bahn - Ich hab' gewarnt - nicht hart genug und klar! Und heute weiß ich, was ich schuldig war".
"Mi accuso dal cuore, ho tradito la mia coscienza, ho mentito a me stesso e agli altri, conoscevo già i disturbatori del treno, l'ho segnalato ma non in maniera dura e chiara abbastanza e ora so di cosa sono colpevole".
Questo passo è tratto dal sonetto "Schuld", inserito nei "Moabiter Sonette" di Albrecht Haushofer, scritti negli ultimi mesi della sua prigionia nel carcere di Moabit a Berlino nel 1945, prima di essere ucciso alla vigilia della presa di Berlino da parte dell'Armata Rossa.
Ciò di cui la Germania si dovrà pentire domani non lo so, stiamo ancora vivendo questi tempi. Ma su una cosa i tempi di Haushofer non sono diversi da questi: è tutta una menzogna!
Ad ogni modo, la mia geografia umana mi spinge verso sud, verso le periferie dell'impero, verso uno stile mediterraneo che dovrà ad un certo punto ritrovare la propria dignità perduta.
Ma ora silenzio. Lasciate che il pianoforte suoni quest'ultimo tango a Berlino.
E lasciate che la ragazza cresca libera.

sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox