Kobane train station - Stazione di Kobane

Last november I took part in Bari in a debate on the Kurdish question. It was the hardest time of the siege of the town of Kobane, Syria, by gangs of Isis and this story was already making inroads into the hearts of many activists in Europe and getting the deserved attention.
I was surprised by the intervention of a man, there as an expert member of the longstanding Italian militancy in favor of Kurdistan, for the truth fallen from grace for several years until the recent events of last summer.
It struck me that he proposed a map of the Middle East marked with a different color in the area with the presence of the Kurdish population, which roughly coincided with the area of ​​historic Kurdistan, non-existenting in reality although claimed in several stages and with the contribution of many arguments. It struck me because I thought that if we wanted to mark with other colors the areas with presence of Arabs, Turkmens, Armenians and various other ethnic groups in the region we would substantially superimposed colors on colors achieving a result rather confusing.
Even then I tried to point out this fact and that therefore every struggle for the rights in the region could not have been carried out regardless of a supra-national and inter-ethnic approach. Therefore, to support "the Kurdish cause" from Italy and Europe, without specifying this detail carefully, ends up creating more problems and divisions.
But this thing in Turkey, Syria, Iraq and Iran, where the Kurdish population is more distributed, is well known to everybody.
KOBANE TRAIN STATION 
An example of this indissoluble interweaving that maybe the Europeans do not know is the story linked to the original name of Kobane, namely Ain al-Arab (the spring of the Arabs), place frequented mostly by nomadic Arab tribes who then had given the name (also the Ottoman name, Arab Pınar, is a translation from Arabic). Paradoxically then Kobane was never Kurdistan until the beginning of last century, when the German company that was building the railway line Berlin-Baghdad (never completed and become later the line which traced the border between Turkey and Syria) settled Kurdish workers who gave birth to an urban center called Kobani, mimicking the harsh pronunciation of German engineers who referred to the word "company" that was to indicate exactly the enterprise. From Kobani became Kobane to better meet the needs of the Kurdish phonetic.
THE CHARTER 
But even the authors of the "Charter of the social contract of Rojava", presented on 29 January 2014, know these things that since from the preamble says:
<<We, the people of the Democratic Autonomous Regions of Afrin, Jazira and Kobane, a confederation of Kurds, Arabs, Assyrians, Chaldeans, Arameans, Turkmen, Armenians and Chechens, freely and solemnly declare and establish this Charter, which has been drafted according to the principles of Democratic Autonomy>>.
This paper is truly remarkable. It is inspired by the noblest of the statements of the social contract, those usually never implemented except for short periods because repressed by history or because his supporters changed them as soon as they took the power. I remember of the "Platform of Soummam" of 1956, which gave way to the Algerian Revolution but was then quickly regurgitated by the National Liberation Front when it gained independence (and whose main architect, Abane Ramdane, was assassinated already the following year, 1957, by the colonels, those who had weapons in their hands but who theoretically were fighting on the same side).

I like to quote a few more steps of the "Charter of the social contract of Rojava":
<<In building a society free from authoritarianism, militarism, centralism and the intervention of religious authority in public affairs, the Charter recognizes Syria's territorial integrity and aspires to maintain domestic and international peace.
In establishing this Charter, we declare a political system and civil administration founded upon a social contract that reconciles the rich mosaic of Syria through a transitional phase from dictatorship, civil war and destruction, to a new democratic society where civic life and social justice are preserved>>.
Noticed two steps of these paragraphs: the recognition of the current borders of nation states and the rejection, among others, of militarism.
It's interesting, however, that, despite this, the myth that attracts the attention of morbid European activists is that of the Kurdish girl with kalasnjikov. And unfortunately I fear this contradiction is just waiting for the right moment to explode, just as happened to Abane Ramdane. For some reason we always forget to ask who provides those weapons, for what purpose and how it finances the guerrillas, since the supporters (and it would be interesting to see which) never do it without a profit.

Sure, that myth is accompanied by the idea of ​​the woman protagonist of revolution and change in a structurally patriarchal society. So innovative is also the form of self-government adopted by these Kurdish cantons of Syria due to the withdrawal of government administration because of the Syrian war events. In short, all things that are pleasing to the ears of Europeans very much.
THE KURDISH PATH I WALKED ON
At the end of January, after months of siege, was announced the liberation of Kobane. I have been happy, even in my anti-militarism, as it could be a person who in recent years has lived in Turkey and has shared in the heart and on the skin the same sufferings and discrimination of the Kurds. Some close friends have given all of themselves to save this town and the hopes that this affair has embodied.
The first time I attended a Newroz in Turkey, in Istanbul, was in March 2008. I had the opportunity to go on stage to make a video and I was shocked by the mass of people, certainly more than a million, but that had gathered to celebrate and especially to find themselves united. From that day I started following some stories of young Kurds who ended up in the Turkish prisons only for their political activism, there was talk of hundreds of boys only in Istanbul.
The following year during the Newroz I was in Diyarbakır, Amed in Kurdish. Even then I was up on stage for the same reason, but this time the people were certainly many more than 3-4 million gathered in a large flat. With those same emotions and for the same documentary project (yet never presented telling the truth) in 2009 I wrote a song with the Kurdish group Bajar, among the most recognized and appreciated in Turkey. The title is "Muallel bahar", which could be translated as "broken spring". LISTEN TO THE SONG HERE
I always thought the battle of the Kurds was needed and once known from the inside I have always gotten a healthy feeling of unity, brotherhood and responsibility.
However, the positive news of the liberation of Kobane is framed for me, since then, by a number of concerns and ideological disasters that prevent me to rejoice. Not only because the justness of ideas is not proved militarily, nor vice versa a military victory doesn't prove to be in the right (but, alas, this erroneous and dangerous syllogism was confirmed without a shadow of repentance by all the comments). But also for another reason. You know the joke? "Where is Syria? South of Kobane".
TRICKY SOLIDARITY 
Most of the solidarity expressed by European activists to Kobane is doubtful because it comes with this serious guilt and contradiction that casts shadows of "colonialism" (bad disease because it is usually not perceived by those affected) on the feeling of solidarity expressed. To take one part of the problem, support it haphazardly obsessively, extrapolating from the context, means fostering new imbalances and new divisions in the Middle East. Someone (especially from outside Europe) has pointed out the squint of this solidarity, which has ignored the Syrian drama for the past 4 years and then exploded in favor of the Kurdish cause.
Sure, maybe there were to be redeemed somehow continental disappointments gained from having supported the North African uprisings clearly voted to failure because they were the pretext of chasing the dictators and not due to it. There was desperately the need to feed the illusion that eventually „we" win something and the revolutionary tourism that has driven many to turkish-Syrian border (well sheltered from the blows of the Isis) is the symptom.
Just the other day I had an interesting exchange of words online with one of the many activists in the Italian mission in the southeast of Turkey, one of those who had spent initially no hesitation in supporting the Tunisian uprising in January 2011 baptized immediately "revolution" even then (so much that I wondered, after the attack of the other day in Tunis and the current political situation in North Africa, if the Kurds do not have to implement their counter-charms in front of such solidarity).
Well, before my remark about the fact that, as we had already discussed in that time, those dynamics have led to no revolution, but to a situation even more complicated, the answer about the cause of the failure was brilliant and illuminating: "the lack of innovative concept of power". Expression indicating subtly the sick heart of the matter: we know the current debate in the other Mediterranean countries to the point that if their revolutions fail is their fault.
When, unfortunately, the opposite is true. Europeans are ignorant of the local debate where the events are accomplished. In the case of the Kurds, for example, should not be forgotten that the evolution of the thought of Abdullah Öcalan in recent years has occurred at a time when the political debate in Turkey had already shifted the focus from the concept of "minority rights" to the simple, definitive "universal citizenship right", starting with the path outlined by the "people of Hrand Dink", Armenian writer assassinated in 2007, who had the courage to make out a question of citizenship in Turkey beyond not only the grievances of the past but also of the domestic national claims and the ethnic, religious and linguistic minorities issue. If this change is implemented by the Kurds of Syria (in natural harmony with the Kurds of Turkey and the proof is that they received help from all communities present in Turkey), we can not say in the same way that the Syrian situation is ripe for a path of this type (and perhaps the Iraqi even less).
And of course, to be arrogant teachers from Europe is very easy. In fact, the above activist continues to reason with the detections of local causes to justify the possible (but always on time) failure of some experiences.
"The Tunisian revolution failed because of them, because they are not evolved enough, because they didn‘t listen to us", seems to say this reasoning. Oh sure! So on with the support to the next revolution, so when it fails the mantra is ready. Would it not be instead that the struggles of others interest us only to the extent that they are comparable and can be spent in a context of domestic propaganda? And then that the complexity of the Syrian conflict simply did not encounter any transfer resulting from the ideological perception of that conflict as "unassimilable", „uncomparable"? Is not this an interested and ephemeral solidarity that lasts until the events keep alive the illusion of the "revolution" in the minds of the followers? It will not be simply that the European debate is not able to understand the dynamics of the rest of the Mediterranean because of the same soaked "colonialism" that download then on the locals, at the sunset of the revolutions, the responsibility for the failure of the revolutions?
FORGOTTEN REVOLUTION 
Years ago I witnessed the uprising in 2001-02 in the region of Kabylia, Algeria. On that occasion also it had been written a suggestive paper, the base communities were self-determined and self-organized from below. Then the internet was still not widespread, the uprising was violently repressed and hundreds of militants were jailed. Nobody in Europe noticed and reacted. But one thing was clear to me: not for "lack of innovative concept of power" that revolution had failed, since indeed we would have a lot to learn from that experience we Europeans. It had failed because the Power, "mafia and murderer" as it was called, was that because of the functional requirements of the European countries. Similarly, not for "lack of innovative concept of power" the Arab spring has become the fall, but it has never been the product of legitimate protest and legitimate and necessary dreams of the millions of people who deserved a change, but only an internal secret affair signed a few meters from the spilled blood of the young and hidden by the smoke of tear gas. An agreement providing many variations as well, if necessary, but only a necessary X factor: the subordination to the markets and to the European and Atlantic needs.
EUROPEAN VICE 
But back to the Kurdish question, of course there are other reasons that explain why all this attention if compared to Syria. The Kurds, after 20-plus years of diaspora in Europe, have learned to use the rhetoric of Europeans and tickle our fantasies: the network Europe-Kurdistan was already standing. But it is not a fault, the Kurds in the bottom collect today what they have sown over the years, working in bitterness and sorrow.
But in addition to the 200 000 victims of the Syrian conflict, this squint has prevented to see and understand another thing: that the Middle East is a very complex skein and to stand up for one or the other especially when they self-define on an ethnic basis (net of internationalist rhetoric of good intentions) means making the game of war and division. And as we didn‘t care about Syria for four years (except those few who have talked of unlikely revolutions), to take the Kurdish side unilaterally today is like to trigger a new bomb in the area. There will be no solution for Kobane nor the Kurds without a solution for the entire Middle East. To play revolutions with the ass of others is a vice that we must stop soon. You have to first understand and then act in your own local environment. For us there is much more to do at home, starting from the responsibilities of European governments, which similarly to the activists, are convinced to solve the Middle East problems simply by selling weapons to "the right ones".
Incidentally, this does not alter the noble struggle for rights and for social justice that millions of people on the ground, every day, in Turkey and in the Middle East carry on and whose the Kurds are a part.
Newroz pîroz be! 
 
Michelangelo Severgnini 

 

Summer 2009, dancing in Hasankeyf.
Estate 2009, ballando ad Hasankeyf.
Summer 2009, travelling by train to Kurdistan...
Estate 2009, viaggiando in treno verso il Kurdistan...  
Lo scorso novembre ho preso parte a Bari ad un dibattito sulla questione curda. Si era nel momento più duro dell'assedio alla cittadina di Kobane, in Siria, ad opera delle squadracce dell‘Isis e questa vicenda stava già facendo breccia nel cuore di molti attivisti in Europa e riscuotendo la meritata attenzione.
Mi stupì l‘intervento di un signore, chiamato in quanto esperto di lunga data della militanza italiana a favore del Kurdistan, per la verità caduta in disgrazia da diversi anni fino ai recenti fatti della scorsa estate. 
Mi colpì il fatto che propose una mappa del Medio Oriente con segnata, con diverso colore, l‘area con presenza di popolazione curda, che coincideva grosso modo con l‘area del Kurdistan storico, stato inesistente nella realtà sebbene reclamato a più fasi e con l‘apporto di svariate argomentazioni. Mi colpì perché pensai che se avessimo voluto segnare con altri colori le aree con presenza di Arabi, Turcomanni, Armeni e altre svariate etnie presenti nella regione avremmo sostanzialmente sovrapposto colori a colori ottenendo un risultato piuttosto confuso.
Tentai già allora di far notare questo fatto e che quindi ogni battaglia per i diritti portata avanti nell‘aera non avrebbe potuto prescindere da un approccio sovra-nazionale e inter-etnico. Pertanto, sostenere „la causa curda" dall‘Italia e dall‘Europa, senza specificare attentamente questo dettaglio, finisce per creare divisioni e ulteriori problemi.
Ma questa cosa in Turchia, Siria, Iraq e Iran, dove la popolazione curda è maggiormente distribuita, è ben nota a tutti.
STAZIONE DI KOBANE 
Un esempio di questo indissolubile intreccio che forse gli Europei non conoscono è la storia legata al nome originale di Kobane, ossia Ain al-Arab (sorgente degli Arabi), località frequentata perlopiù da tribù nomadi arabe che quindi le avevano dato il nome (anche il nome ottomano infatti, Arab Pınar, è una traduzione dall‘Arabo). Paradossalmente quindi Kobane non è mai stata Kurdistan finché ad inizio secolo scorso la compagnia tedesca che stava costruendo la linea ferroviaria Berlino-Baghdad (mai completata e sulla cui linea è stato tracciato il confine tra Turchia e Siria) insediò lavoratori curdi che diedero vita ad un centro urbano chiamandolo Kobani, facendo il verso all‘aspra pronuncia degli ingegneri tedeschi che si riferivano alla „company" che stava ad indicare appunto l‘impresa. Da Kobani è diventata Kobane per rispondere meglio alle esigenze fonetiche del Curdo.
LA CARTA 
Ma queste cose le sanno benissimo anche gli autori della „Carta del contratto sociale del Rojava", presentata il 29 gennaio 2014, che sin dall‘incipit afferma: 
<<Noi popoli che viviamo nelle Regioni Autonome Democratiche di Afrin, Cizre e Kobane, una confederazione di curdi, arabi, assiri, caldei, turcomanni, armeni e ceceni, liberamente e solennemente proclamiamo e adottiamo questa Carta>>.  

Questo documento è davvero notevole. Si ispira alle più nobili delle dichiarazioni di contratto sociale, quelle di solito mai attuate se non per brevi periodi perché represse dalla Storia o perché cambiate dai suoi sostenitori non appena preso il potere. Mi viene in mente la „Piattaforma della Soummam" del 1956, che diede il via alla Rivoluzione Algerina ma che venne poi rapidamente rigurgitata dal Fronte di Liberazione Nazionale non appena ottenuta l‘indipendenza (e il cui principale estensore, Abane Ramdane, fu assassinato già l‘anno seguente, 1957, dai colonnelli, quelli che avevano le armi in mano e che teoricamente combattevano dalla sua stessa parte).
Mi piace citare qualche altro passo appena successivo della „Carta del contratto sociale del Rojava":
<<Costruendo una società libera dall'autoritarismo, dal militarismo, dal centralismo e dall'intervento delle autorità religiose nella vita pubblica, la Carta riconosce l'integrità territoriale della Siria con l'auspicio di mantenere la pace al suo interno e a livello internazionale.
Con questa Carta, si proclama un sistema politico e un'amministrazione civile fondata su un contratto sociale che possa riconciliare il ricco mosaico di popoli della Siria attraverso una fase di transizione che consenta di uscire da dittatura, guerra civile e distruzione, verso una nuova società democratica in cui siano protette la convivenza e la giustizia sociale>>.

Vanno notati due passaggi di questi capoversi: il riconoscimento dei confini attuali degli Stati nazionali e il rigetto, tra gli altri, del militarismo.
E‘ interessante tuttavia che, nonostante questo, il mito capace di attirare la morbosa attenzione degli attivisti europei sia quello della ragazza curda con il kalasnjikov. E purtroppo questa contraddizione temo stia solo aspettando il momento buono per esplodere, esattamente come successo per Abane Ramdane. Chissà perché ci si scorda sempre di chiedersi chi fornisce quelle armi, per quale scopo e come si finanzia la guerriglia, posto che i sostenitori (e sarebbe interessante capire quali) mai lo fanno senza un tornaconto.
Certo, quel mito si accompagna all‘idea della donna protagonista della rivoluzione e del cambiamento in una società strutturalmente patriarcale. Così come innovativa appare la forma di auto-governo adottata da questi cantoni curdi di Siria grazie al ritiro dell‘amministrazione governativa siriana causa vicende di guerra. Insomma, tutte cose che piacciono molto agli orecchi europei.
IL SENTIERO CURDO SU CUI HO CAMMINATO 
Sul finire del gennaio scorso, dopo mesi di assedio, è stata annunciata la liberazione di Kobane. Ne sono stato felice, pur nel mio antimilitarismo, come lo poteva essere una persona che negli ultimi anni ha vissuto in Turchia e ha condiviso nel cuore e sulla pelle le stesse sofferenze e discriminazioni dei Curdi. Alcuni amici stretti hanno dato tutto se stessi per salvare questa cittadina e le speranze che questa vicenda ha incarnato. 
La prima volta in cui partecipai ad un Newroz in Turchia, ad Istanbul, fu nel marzo 2008. Ebbi l‘occasione di salire sul palco per realizzare delle riprese e rimasi sconvolto dalla massa di gente, sicuramente più di un milione, radunatasi per festeggiare ma soprattutto per ritrovarsi unita. Da quel giorno mi appassionai ad alcune storie di ragazzi curdi che finivano nelle galere turche solo per la loro militanza politica, si parlava di centinaia di ragazzi solo a Istanbul.
L‘anno seguente per il Newroz ero a Diyarbakır, Amed in Curdo. Anche allora ero salito sul palco per altre riprese, ma questa volta le persone erano certamente molte di più, 3-4 milioni, radunate in una grande piana. Con quelle stesse emozioni e per lo stesso progetto di documentario (ancora mai presentato per la verità) scrissi una canzone con il gruppo curdo Bajar, tra i più riconosciuti e apprezzati della Turchia. Il titolo è „Muallel bahar", che potrebbe essere tradotta come „primavera spezzata". ASCOLTA QUI IL BRANO
Ho sempre ritenuto la battaglia dei Curdi necessaria e una volta conosciuta dal di dentro ne ho sempre ricavato un sentimento salutare di unità, responsabilitá e fratellanza.
Tuttavia, la notizia positiva della liberazione di Kobane è per me incorniciata, sin da allora, da una serie di perplessità e di disastri ideologici che mi impediscono di gioire. Non solo perché la giustezza delle proprie idee non si dimostra militarmente, nè viceversa una vittoria militare non mi dimostra di essere dalla parte della ragione (ma, ahimè, questo erroneo e pericoloso sillogismo era ribadito senza ombra di pentimento dalla totalità dei commenti). Ma anche per un altro motivo. Conoscete la battuta? "Dove si trova la Siria? A sud di Kobane".
SOLIDARIETA' INGANNEVOLE 
La maggior parte della solidarietà espressa dagli attivisti europei verso Kobane è dubbia in partenza perché nasce con questa grave colpa e contraddizione che getta ombre di „colonialismo" (brutta malattia perché di solito non percepibile da chi ne è affetto) sul sentimento di solidarietà espresso. Prendere una parte del problema, sostenerla a casaccio ossessivamente, estrapolandola dal contesto, significa favorire nuovi squilibri e nuove divisioni in Medio Oriente. Qualcuno (soprattutto da fuori Europa) ha fatto notare lo strabismo di questa solidarietà, che ha ignorato il dramma siriano per ormai 4 anni e poi è esplosa a favore della causa curda. 
Certo, forse c‘erano da riscattare in qualche modo le delusioni continentali maturate dall‘aver sostenuto le rivolte nord-africane chiaramente votate all‘insuccesso perché pretesto dell‘abbattimento dei dittatori e non causa. C‘era disperato bisogno di alimentare l‘illusione che alla fine si vince qualcosa „anche noi" e il turismo rivoluzionario che ha spinto molti alla frontiera turco-siriana (ben al riparo dai colpi dell‘Isis) ne è il sintomo.
Proprio l‘altro giorno ho avuto un interessante scambio di battute in rete con uno dei molti attivisti italiani in missione nel sud-est della Turchia, uno di quelli che a sua volta si era speso inizialmente senza remore nel sostegno alle sollevazioni tunisine del gennaio 2011 battezzate immediatamente „rivoluzione" anche allora (tanto che mi chiedevo, visto l‘attentato dell‘altro giorno a Tunisi e la situazione politica attuale in Nord Africa, se i Curdi non debbano mettere in atto le loro scaramanzie di fronte a tanta solidarietà).
Bene, di fronte alla mia osservazione circa il fatto che, come avevamo già avuto modo di discutere allora, quelle dinamiche non hanno portato a nessuna rivoluzione, ma ad una situazione ancora più complicata, la risposta circa la causa del fallimento è stata geniale ed illuminante: „la mancanza di concezione innovativa del potere". Espressione che indica subdolamente il cuore malato della questione: noi conosciamo il dibattito in corso negli altri paesi mediterranei a tal punto che se le loro rivoluzioni falliscono è colpa loro.
Quando, ahimè, è vero tutto l‘opposto. Gli Europei ignorano il dibattito locale dove le vicende si compiono. Nel caso dei Curdi, per esempio, non va dimenticato che l‘evoluzione del pensiero di Abdullah Ocalan degli ultimi anni è avvenuta nel momento in cui il dibattito politico in Turchia aveva già spostato il baricentro dal concetto di „diritti delle minoranze" al semplice e definitivo „diritto di cittadinanza universale", a cominciare dal percorso tracciato dal cosiddetto „popolo di Hrand Dink", scrittore armeno assassinato nel 2007, che ha avuto il coraggio di fare un discorso di cittadinanza in Turchia al di là non solo dei rancori del passato, ma anche delle rivendicazioni nazionali interne, delle questioni etniche, religiose e linguistiche. Se questa svolta è stata recepita dai Curdi della Siria (in naturale osmosi con i Curdi della Turchia e che infatti hanno ricevuto aiuto da tutte le comunità presenti in Turchia), non si può dire allo stesso modo che la situazione siriana sia matura per un percorso di questo tipo (e forse quella irachena ancora meno).
E certo, fare i maestrini dall‘Europa è molto facile. Difatti il ragionamento dell‘attivista di cui sopra continua con l‘individuazioni di cause locali a giustificazione dell‘eventuale (ma puntuale) fallimento di alcune esperienze. 
„La rivoluzione tunisina è fallita per colpa loro, perché non sono abbastanza evoluti, perché non ci danno retta", sembra dire questo ragionamento. Eh certo! E quindi via a sostenere un‘altra rivoluzione, tanto poi se anche questa fallisce il mantra è già pronto. Non sarà forse invece che le lotte degli altri ci interessano solo nella misura in cui sono assimilabili e spendibili in un contesto di propaganda interna? E che quindi la complessità del conflitto siriano semplicemente non ha suscitato nessun transfer ideologico con conseguente percezione di quel conflitto come „non assimilabile"? Non è forse questa una solidarietà interessata ed effimera che dura finché gli eventi tengono viva l‘illusione della „rivoluzione" nelle menti degli adepti? Non sarà poi che semplicemente il dibattito europeo non è in grado di capire le dinamiche del resto del Mediterraneo perché intriso dello stesso „colonialismo" che scarica poi sui locali, al tramonto delle rivoluzioni, le responsabilità del fallimento delle rivoluzioni? 
LA RIVOLUZIONE DIMENTICATA 
Anni fa nel 2001-02 fui testimone della sollevazione della regione della Cabilia, in Algeria. In quell‘occasione pure era stata scritta una Carta suggestiva, le comunità di base si auto-determinavano e auto-organizzavano dal basso. Allora internet non era ancora diffuso, la sollevazione venne repressa nel sangue e centinaia di militanti erano finiti in carcere. Nessuno in Europa se ne accorse e battè ciglio. Però una cosa mi fu chiara: non per „mancanza di concezione innovativa del potere" quella rivoluzione era fallita, che anzi avremmo avuto molto da imparare noi Europei da quell‘esperienza. Era fallita perché il Potere, „mafioso e assassino", come era definito, era tale perché funzionale alle esigenze dei Paesi europei. Allo stesso modo, non per „mancanza di concezione innovativa del potere" la primavera araba è diventata autunno, ma perché non è mai stata il prodotto della legittima protesta e dei sogni legittimi e necessari dei milioni di persone che meritavano un cambiamento, ma solo un affare interno e segreto stipulato a pochi metri dal sangue versato dei giovani e nascosto dal fumo dei lacrimogeni. Un accordo che prevedeva pure numerose varianti all‘occorrenza, ma un solo necessario fattore X: la subalternità ai mercati e alle esigenze europee e atlantiche.
VIZIO EUROPEO 
Ma tornando alla questione curda, certo ci sono altri motivi che spiegano perché tutta questa attenzione rispetto alla Siria. I Curdi, dopo 20 e più anni di diaspora in Europa, hanno imparato a usare la retorica europea e a solleticare le nostre fantasie: la rete Europa-Kurdistan era già in piedi. Ma non è una colpa, i Curdi in fondo raccolgono oggi quello che hanno seminato negli anni, lavorando nell‘amarezza e nel dolore.
Ma oltre alle 200 mila vittime del conflitto siriano, questo strabismo ha impedito di vedere e di capire un‘altra cosa fondamentale: che il Medio Oriente è una matassa molto complessa e schierarsi per uno o per l'altro specialmente quando questi si auto-definisce su base etnica (al netto della retorica internazionalista delle buone intenzioni) significa fare il gioco della guerra e delle divisioni. E come non ci è fregato niente della Siria per 4 anni (se non quei pochi che hanno vaneggiato di improbabili rivoluzioni), prendere il lato curdo unilateralmente oggi è come innescare una nuova bomba nell‘area. Non ci sarà soluzione per Kobane né per i Curdi senza una soluzione per tutto il Medio Oriente. Giocare alle rivoluzioni con il culo degli altri è un vizio che ci dobbiamo togliere al più presto. Bisogna prima capire e poi agire nel proprio locale con consapevolezza. Per noi c‘è molto di più da fare a casa nostra, a cominciare dalle responsabilità dei governi europei, che in modo simile agli attivisti, sono convinti di risolvere il problema mediorientale semplicemente vendendo armi a „quelli giusti".

Detto per inciso, questo nulla toglie alla nobile lotta per i diritti e per la giustizia sociale che milioni di persone sul terreno, tutti i giorni, in Turchia e in Medio Oriente portano avanti e di cui i Curdi sono parte.
Newroz pîroz be!
 
Michelangelo Severgnini 


sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox