That invisible thing called Slavery - Quella cosa invisibile chiamata Schiavitù

 

Last summer, thanks to some friends downthere, I went near Pozzallo, south-eastern Sicily, where I was able to interview some African guys who had recently landed in the city's port. Usually the guys who stay in the SPRAR (so called Italian refugee centers) of the area are quite clever, they keep them in the neighborhood available to the judicial authority that investigates the landed migrants and boats from Libya on which they initially traveled.
After working for years on the subject of immigration in Italy, with documentaries, writings, activism ("Final destination Lampedusa" is a documentary of denunciation that I co-directed in 2005, broadcast on the television channel LA7 that earned an official reproach from the EU to Italy), returning to Italy after some time I wondered how the phenomenon, after the years of the Balkan refugee wave, was somehow changed.
I had news of the so-called NGO ships for several months, because I had met some activists when I was living in Berlin as early as 2016, when their boats were not yet fully operational. And for this reason I have been wondering for months now, in all honesty, why the Italian government had not spoken in good time about the activity of these ships. Without prejudice to the duty to save human lives, to accept or to let private voluntary initiatives save people at sea, not in a moment of emergency, but in a consolidated custom, it means, for any State, abdicating its prerogatives, it means accepting its own defeat.
Before making the interviews with these African guys near Pozzallo, I agreed with them that their face was not shown. Even when it was not in fact their request, I demanded this modality to avoid putting them in a pre-established role, that of the defendant who must defend himself before the judge who asks questions. Not least because they were free to express themselves and tell without fear of retaliation. I just wanted stories, facts, their real human emotions. Their collaboration was total, courageous, honest, exciting.
The result is a documentary called "Reserve slaves", presented and awarded last May at the Labor International Film Festival in Istanbul and scheduled in Berlin for Saturday 23 June at the Karl-Liebknecht-Haus at 1pm during the "Fest der Linken" and later at Kino Moviemento on Thursday June 28th at 7pm.
 
A SYSTEM BASED ON SLAVERY THAT NOBODY SEES 
I admit all my impotence in the face of the fact that for months I have been trying in Italy not so much to promote the work, but to submit at least to the attention of the operators of information and culture the fact that the thesis of the documentary (maybe wrong, maybe a mistake, however, resulted from the concordant testimonies of several African guys) states that at this moment and for some years in Libya there is slavery. Not only in the sense of trafficking, but above all in the sense of a local production system based on forced labor to which sub-Saharan African migrants are subject. This system is based on the famous detention centers, some of which are financed by the previous Italian government, which request a bail for the release (which of course the migrants do not have) and therefore demand it by imposing forced labor. In fact, this is a free job, because it is unpaid, based on an arbitrary principle (which bail for which offense?). And is a forced labor because it is carried out under the threat of arms (and who refuses is shot and killed on the spot, given the availability of many migrants in circulation).
This is what emerges from the documentary. As we said it could be a wrong reconstruction, a mistake. In fact it is a reconstruction based on concordant testimonies. But, in the case, in front of a story so chilling and plausible, why not go at least to check on their own initiative?
Instead I received almost only closed doors.
It is said that in Libya there is widespread torture, obviously carried out for extortion purposes with the relatives of the migrants in a living voice while their dear screams in pain, so that they send more quickly the money for the ransom. True, even the testimonies I have collected tell it. So, more than this, what do you want to explain? True, it is an atrocity we already know and that we should tell everyone in Europe with more vigor.
 
A SYSTEM BASED ON A CRIME AND NOT MANY INDIVIDUAL CRIMES 
But let me affirm that slavery is a distinct state than kidnapping for the purpose of extortion, perhaps even more serious and with even more ineluctable international political implications. Because slavery is an entire social system based on a crime and not many individual crimes. And those criminal gangs who practice it (they call it the Nigerian mafia, Ghanaian mafia together in league with the Libyan gangs) have already exported it to southern Italy in collaboration with the Italian mafia (last month in Palermo 14 Nigerian citizens were convicted of mafia as belonging to the international criminal organization Black Axe already in league with the Sicilian mafia) that manages to pay these slaves 1 or 2 euro per hour in the fields of south Italy to collect fruits and vegetables that all Europeans buy and eat. 
So, if slavery is a system, we are all directly accomplices and supporters. Faced with this type of analysis, however, as I said, especially in Italy, I found widespread indifference. I asked myself why, months ago. In the meantime, I made some ideas.
 
ITALIAN GENERATIONAL CHANGE
On one side my position. Years abroad with a past as a free documentarist when I was in Italy do not help. Meanwhile in my country there has been a generational change and in many cases the people with whom I preferred not to continue the journey are increasingly in key positions today, exponents of an Italian left disappeared from the electoral radar and in any case entities with confused and labile boundaries, however, ready to fight to share the merits of the few victories and to fight each other in the face of many defeats. So I think my name does not help the cause, at least in such environments. Other microcosms instead cultivate sectarianism and are perhaps difficult to penetrate by people who already have a history behind them. 
 
THE TRIAD OF KARPMAN 
However there is a second consideration of a more analytical nature and therefore I think more interesting. To the question "but why no one sees slavery in Libya" I would answer that it is an eventuality out of narration. That is, it does not meet the expectations of the narrative that we have formed on Libya and in general on immigration. Torture yes, slavery no. Why? At a certain point the triad of Karpman, or dramatic triangle, came to my mind. This is a role-playing game developed by Transactional Analytical Psychotherapy, in which three figures are developed: the victim, the abuser, the savior. In the game, the subjects often change their role: whoever was an abuser becomes a victim, whoever was a savior becomes an abuser and so on. Everything takes place within an almost magical dynamic, a game in fact, far from an objective assessment of reality that is just a pretext of the game and not a real element. I looked around for a moment and in the attitude of Europeans towards the migrants I have not found other modalities if not the 3 above. There are those who claim to be victims and shout "first the Italians!". There are those who claim to be abusers (or not always declares it but believe it to be), as the xenophobic movements, the new slavers of the southern Italian countryside and all those who profit on migrants. Finally, there are those who claim to be saviors and lately they are declaring it very strong, especially in Italy. 
With these premises I do not think we can find solutions. There is slavery in Libya, this is a fact. And nobody sees it. The victim doesn't see it, because it is blinded by hatred, has no empathy for the other. The abuser doesn't see it or better he does not say to see it because he has an interest in continuing the game undisturbed. But he sees torture because he reinforces his mission. But slavery he doesn't see, because, if seen, if considered, would stop the game. No more deflated boats to save in the waves, no more ports to close, no more slaves to exploit. 
This tacit and unconscious alliance between the three roles of Karpman's triad in which almost all Europeans have fallen, causes that the facts are important only to the extent that they argue the reasons for the role being played. The reality, the "here and now", is elsewhere. 
So we don't need good policy, it would take a good therapist and some analysis. Following the last elections of March 4, the political scenario in Italy has changed a lot. On the issue of immigration, the positions of the new government are the opposite of those of the previous one. Are we ready for the ballet, for the change of role? Even the migrants will not be spared from this game. For some they have become "saviors" (you know the slogan: "immigrants, do not leave us alone with Italians"), for others they are "abusers", thieves and rapists, for others they are "victims". Someone else will try to explain that the ports must be closed to prevent traffic and therefore be able to "save" migrants, which is better if they are in Libya, it is safer. For Italians who think this way slavery in Libya does not exist, they can not see it. These will be the abusers who will try to become saviors. Someone else will try to explain that the real "abusers" are the Italians who have found a job in welcoming migrants, putting the money of the Government in their pockets and leaving the migrants alone on the Italian territory. 
They are the saviors who turn into abusers according to someone who however, in turn, can not see slavery in Libya. Otherwise he should admit that all those slaves in Libya must be immediately pulled out of there and hosted all of them in Europe awaiting any voluntary repatriation. The victims will always be them, the migrants. But they will always be also abusers. And for some, even saviors (because they raise the economy and with the taxes they pay, pensions can be paid). But for someone else they steal the work from the Italians and lower the wages. And the game goes on forever. 
Recognizing the existence of slavery in Libya means stopping this game. 
Trying to stop this game means to stand against all those who enjoy play it.
Try to stop this game means being willing to review the history of relations between Africa and Europe. 
It means fighting for freedom of movement as much as for the right to remain in one's own country, it means fighting for the full dignity of all Africans in Africa and everywhere. 
It means abolishing colonialism, not letting slavery spread! 
It means to deal with that bit of racism that lives in anyone today still wants to continue this game of Karpman's triad. 
 
THE LESSON OF THOMAS SANKARA 
One day Thomas Sankara, then president of Burkina Faso, said: 
<<Our country produces enough to feed us all. Alas, for lack of organization, we are forced to beg for food aid. It's this aid that instills in our spirits the attitude of beggars. Many people ask where imperialism is: look at the dishes in which you eat. The grains of imported rice, corn, here is imperialism. There is no need to look beyond. Those who feed you, control you>>.
His fight against debt ended on October 15, 1987, killed in a coup d'état wanted by France and the United States, in short, by the West. 
That day we started a game of roles to remove reality. It's been 30 years. 30 years of increasing desperate immigration from Africa to Europe. 
Needless to ask why, if you are not willing to get out of the game and face reality.
 
Michelangelo Severgnini 
 
 
RESERVE SLAVES facebook page open forum with people in Libya.
 
"RESERVE SLAVES" trailer! 

 

 

La scorsa estate, grazie ad alcune amicizie in loco, mi sono recato nei pressi di Pozzallo, Sicilia sud-orientale, dove ho potuto intervistare alcuni ragazzi africani da poco sbarcati nel porto della città. Di solito i ragazzi che soggiornano negli SPRAR della zona sono piuttosto svegli, li tengono infatti nei paraggi a disposizione dell'autorità giudiziaria che indaga sui migranti sbarcati e sulle imbarcazioni partite dalla Libia sulle quali inizialmente viaggiavano.
Dopo aver lavorato per anni sul tema dell'immigrazione in Italia, con documentari, scritti, attivismo ("Ultimi giorni a Lampedusa" è un documentario di denuncia che ho co-diretto nel 2005, trasmesso sul canale televisivo LA7 che valse un richiamo ufficiale da parte dell'UE all'Italia), di ritorno in Italia dopo diverso tempo mi chiedevo come il fenomeno, dopo gli anni dell'ondata balcanica di rifugiati, fosse in qualche modo cambiato. 
Avevo notizia già da diversi mesi dell'attività delle cosiddette navi delle ONG, perché qualche attivista lo avevo incontrato quando vivevo a Berlino già nel 2016, quando le loro imbarcazioni ancora non erano operative. E per questo mi chiedevo ormai da mesi, in tutta onestà, come mai il governo italiano non si fosse pronunciato per tempo sull'attività di queste navi. Fatto salvo il dovere di salvare vite umane, accettare o lasciare che iniziative private di volontariato salvino persone in mare, non in un momento di emergenza, ma in una consuetudine consolidata, significa, per qualsiasi Stato, abdicare alle proprie prerogative, significa accettare la propria sconfitta. 
Prima di realizzare le interviste con questi ragazzi africani nei pressi di Pozzallo, ho concordato con loro che non fosse mostrato il loro viso. Anche quando non è stata in realtà una loro richiesta, ho preteso questa modalità per evitare di metterli in un ruolo prestabilito, quello del giudice che pone domande e dell'imputato che si deve difendere. Non da ultimo perché fossero liberi di esprimersi e raccontare senza timore di ritorsioni. Volevo solo racconti, fatti, le loro vere umane emozioni. La loro collaborazione è stata totale, coraggiosa, onesta, emozionante. 
Ne è uscito un documentario che si chiama "Schiavi di riserva", presentato e premiato lo scorso maggio al Festival Internazionale del Cinema dei Lavoratori di Istanbul e in programma a Berlino questo sabato 23 giugno presso la Karl-Liebknecht-Haus alle 13 e in seguito al Kino Moviemento giovedì 28 giugno alle 19.
 
UN SISTEMA BASATO SULLA SCHIVITU' CHE NESSUNO VEDE 
Ammetto tutta la mia impotenza di fronte al fatto che da mesi stia cercando in Italia non tanto di promuovere il lavoro, quanto di sottoporre almeno all'attenzione degli operatori dell'informazione e della cultura il fatto che la tesi del documentario (magari sbagliata, magari un abbaglio, però scaturito dalle testimonianze concordanti di diversi ragazzi africani) afferma che in questo momento e da alcuni anni in Libia esista la schiavitù. Non solo nel senso della tratta, ma soprattutto nel senso di un sistema di produzione locale basato sul lavoro forzato a cui sono soggetti i migranti dell'Africa subsahariana. Questo sistema è basato sui famosi centri di detenzione peraltro alcuni dei quali finanziati dal precedente governo italiano, che chiedono una cauzione per il rilascio (che ovviamente i migranti non hanno) e la esigono quindi imponendo i lavori forzati. Di fatto questo è lavoro gratuito, perché non retribuito, basato su un principio arbitrario (quale cauzione per quale reato?) ed è un lavoro forzato perché svolto sotto la minaccia delle armi (e chi si rifiuta viene sparato e ucciso seduta stante, data la disponibilità di molti migranti in circolazione).
Questo è quanto emerge dal documentario. Come si diceva può essere una ricostruzione errata, un abbaglio. Di fatto è una ricostruzione basata su testimonianze concordanti. Ma, nel caso, di fronte a un racconto così agghiacciante e verosimile, perché non andare almeno a verificare di propria iniziativa?
Invece ho ricevuto quasi solo porte chiuse.
Mi si dice che si sa già che in Libia esiste la tortura diffusa, ovviamente eseguita a scopo estorsivo con i parenti dei migranti in viva voce mentre il loro caro urla dal dolore, perché così mandino più alla svelta i soldi per il riscatto. Vero, anche le testimonianze che io ho raccolto, lo raccontano. E quindi, più di questo cosa vuoi spiegare? Vero, è un'atrocità di cui già sappiamo e che dovremmo raccontare a tutti in Europa ancora con più vigore.
 
UN SISTEMA BASATO SU UN CRIMINE E NON UNA SERIE DI CRIMINI INDIVIDUALI 
Ma permettetemi di affermare che la schiavitù è uno stato distinto del rapimento con scopo di estorsione, forse ancora più grave e con implicazioni politiche internazionali ancora più ineludibili. Perché la schiavitù è un intero sistema sociale basato su un crimine e non tanti singoli crimini. E quelle bande criminali che lo praticano (le chiamano mafia nigeriana, mafia ghanese insieme in combutta con le bande libiche) lo hanno già esportato nel sud Italia in collaborazione con la mafia italiana (lo scorso mese a Palermo 14 cittadini nigeriani sono stati condannati per mafia in quanto appartenenti all'organizzazione criminale internazionale Black Axe già in combutta con la mafia siciliana) che gestisce questi schiavi pagandoli 1 o 2 euro l'ora nei campi a raccogliere frutta e verdura che poi tutti gli Europei comprano e mangiano. 
Quindi, se la schiavitù è un sistema, siamo tutti direttamente complici e sostenitori.
Di fronte a questo tipo di analisi tuttavia, come detto, soprattutto in Italia, ho riscontrato una diffusa indifferenza. Mi sono chiesto perché, ormai mesi orsono. Nel frattempo mi sono fatto alcune idee.
 
RICAMBIO GENERAZIONALE ITALIANO
Da un lato la mia posizione. Anni all'estero con un passato di documentarista libero quando stavo in Italia non aiutano. Nel frattempo nel mio Paese si è segnato un cambio generazionale e in moltissimi casi le persone con cui ho preferito non continuare il cammino allora sono sempre più in posizioni chiave oggi, esponenti di una sinistra italiana scomparsa dai radar elettorali e comunque entità dai confini confusi e labili, comunque pronta a litigarsi i meriti delle poche vittorie e a dividersi di fronte alle molte sconfitte. Perciò penso che il mio nome non aiuti la causa, almeno negli ambienti di riferimento. Altri microcosmi invece coltivano il settarismo e sono forse difficilmente penetrabili da persone che hanno già una storia alle spalle.
 
LA TRIADE DI KARPMAN 
Tuttavia vi è una seconda considerazione di carattere più analitico e perciò credo più interessante. Alla domanda "ma perché nessuno vede la schiavitù in Libia" risponderei che è un'eventualità fuori narrazione. Cioè non soddisfa le aspettative della narrazione che che ci siamo formati sulla Libia e in generale sull'immigrazione. Tortura sì, schiavitù no. Perché?
Ad un certo punto mi è venuta in mente la triade di Karpman, o triangolo drammatico. Si tratta di un gioco di ruolo studiato dalla Psicoterapia Analitico Transazionale, tale per cui si sviluppano 3 figure: la vittima, il carnefice, il salvatore. Nel gioco i soggetti cambiano spesso di ruolo: chi prima era carnefice diventa vittima, chi era salvatore diventa carnefice e via dicendo. Il tutto si svolge all'interno di una dinamica quasi magica, di gioco appunto, lontana da una oggettiva valutazione della realtà che appunto è solo pretesto del gioco e non elemento reale.
Mi sono guardato un attimo intorno e nell'atteggiamento degli Europei nei confronti dei migranti non ho trovato altre modalità se non le 3 succitate. C'è chi si dichiara vittima e grida "prima gli Italiani!". C'è chi si dichiara carnefice (o non sempre lo dichiara ma crede di esserlo), come i movimenti xenofobi, i nuovi schiavisti delle campagne del sud Italia e tutti coloro che lucrano sui migranti. C'è infine chi si dichiara salvatore e ultimamente lo sta dichiarando molto forte soprattutto in Italia. 
Con queste premesse non credo si possano trovare soluzioni.
C'è la schiavitù in Libia, questo è un dato di fatto. E nessuno lo vede.
Non lo vede la vittima, che accecata dall'odio non ha empatia per l'altro.
Non lo vede il carnefice o meglio non dice di vederlo perché ha interesse a continuare il gioco indisturbato.
Non lo vede il salvatore che però vede la tortura perché rinforza la propria missione.
Ma la schiavitù no, perché, se vista, se considerata, fermerebbe il gioco.
Non più gommoni sgonfi da salvare tra le onde, non più porti da chiudere, non più schiavi da sfruttare.
Questa alleanza tacita e inconsapevole tra i 3 ruoli della triade di Karpman in cui è caduta la quasi totalità degli Europei fa sì che i fatti siano fatti solo nella misura in cui argomentano le ragioni del ruolo che si sta ricoprendo. La realtà, il "qui e ora", è altrove.
Allora non ci vuole una buona politica, ci vorrebbe un buon terapista e un po' di analisi.
In seguito alle scorse elezioni del 4 marzo lo scenario politico in Italia è molto cambiato. Sul tema dell'immigrazione le posizioni del nuovo governo sono l'opposto di quelle del precedente.
Siamo pronti al balletto, al cambio di ruolo? Anche i migranti non saranno risparmiati da questo gioco. Per qualcuno sono diventati "salvatori" (conoscete lo slogan: "immigrati, non lasciateci soli con gli Italiani"), per altri sono "carnefici", ladri e stupratori, per altri infine sono "vittime".
Qualcun altro proverà a spiegare che i porti devono essere chiusi per impedire il traffico e quindi poter così "salvare" i migranti, che è meglio se stanno in Libia, è più sicuro. Per gli Italiani che la pensano in questo modo la schiavitù in Libia non esiste, non riescono a vederla. Questi saranno i carnefici che proveranno a diventare salvatori.
Qualcun altro proverà a spiegare che i veri "carnefici" sono gli Italiani che si sono trovati un lavoro nell'accoglienza ai migranti, mettendosi in tasca i soldi del Governo e lasciando a se stessi i migranti sul territorio italiano. Sono i salvatori che si trasformano in carnefici secondo qualcuno che però, a sua volta, la schiavitù in Libia non riesce a vederla. Altrimenti dovrebbe ammettere che tutti quei ragazzi schiavi in Libia vanno immediatamente tirati fuori di lì e ospitati tutti quanti in Europa in attesa di eventuali rimpatri volontari. 
Le vittime saranno sempre loro, i migranti. Che però saranno sempre anche carnefici. E per qualcuno anche salvatori (perché risollevano l'economia e con le tasse che loro pagano si possono pagare le pensioni). Ma per qualcun altro rubano il lavoro agli Italiani e abbassano i salari.
E il gioco continua all'infinito.
Riconoscere l'esistenza della schiavitù in Libia significa fermare questo gioco.
Provare a fermare questo gioco significa mettersi contro tutti quelli che invece si divertono a giocare.
Provare a fermare questo gioco significa essere disposti a rivedere la storia dei rapporti tra Africa e Europa. 
Significa battersi per la libertà di movimento tanto quanto per il diritto a restare nel proprio Paese, significa battersi per la piena dignità di tutti gli Africani in Africa e ovunque.
Significa abolire il colonialismo, non lasciare che la schiavitù si propaghi!
Significa fare i conti con quel po' di razzismo che abita chiunque oggi abbia ancora voglia di continuare questo gioco della triade di Karpman.
(Leggi un articolo in italiano su immigrazione e triade di Karpman scritto da Roberto Buffagni). 
 
LA LEZIONE DI THOMAS SANKARA 
Un giorno Thomas Sankara, allora presidente del Burkina Faso, disse:
<<Il nostro paese produce cibo sufficiente per nutrire tutti i Burkinabè. Ma, a causa della nostra disorganizzazione, siamo obbligati a tendere la mano per ricevere aiuti alimentari, che sono un ostacolo e che introducono nelle nostre menti le abitudini del mendicante. Molta gente chiede dove sia l'imperialismo: guardate nei piatti in cui mangiate. I chicchi di riso importato, il mais, ecco l'imperialismo. Non c'è bisogno di guardare oltre. Chi ti sfama, ti controlla>>.  
La sua lotta contro il debito finì il 15 ottobre 1987, ucciso in un colpo di Stato voluto da Francia e Stati Uniti, dall'Occidente insomma. 
Quel giorno abbiamo cominciato un gioco di ruoli per rimuovere la realtà.
Sono passati 30 anni. 30 anni di immigrazione sempre più disperata dall'Africa verso l'Europa.
Inutile chiedersi perché, se non si è disposti a uscire dal gioco e guardare in faccia la realtà. 

 

sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox