Humanitarian crime - Reato umanitario

 

Ten years ago, I was preparing to start shooting a road-movie, a job that eventually was finished, but never presented. And it still stays there, unpublished. The title is "Yakamoz", a Turkish word meaning "full moon light on the Bosphorus". The trip departed from Bari and ended in Istanbul. The protagonist was Anila, an Albanian violinist living in Bari who, after several vicissitudes, finally came to the Bosporus, facing the full moon reflected.
Anila had found herself in a migrant traffic from Turkey to Europe and had become an unconscious courier. But this traffic was not for profit. The traffickers, for the sake of precision, practiced consciously what was recently termed "humanitarian crime" in Italy.

 

 

With this expression, they wanted to point out the work of those who, by ideology, sensitivity and personal choice, decide to facilitate migrants in achieving the destination country of their migration, without however taking advantage of this work at the cost of violating laws of the crossed states and therefore committing a crime.
In January 2016 I was invited by the Globale Film Festival in Berlin to screen "Isti'mariyah". A few days before, the organizer asked me if I had anything contrary with the fact that a group of young people would have presented their organization, "Jugend rettet", between the screening and the debate, which was proposing to raise funds to set up a boat capable to save migrants at sea in the Mediterranean. I agreed. But the guys did not come up.
But I tried not to lose sight of them. I kept myself informed until last spring I realized that the phenomenon was taking on significant characteristics.
According to a UNHCR report, "From January 1 to April 30 2017, migrants rescued by the NGOs were 12,346, or 33% of the rescue at sea. According to the Coast Guard report, in 2016, migrants from North Africa to Italy were 178,415, of whom just under half were rescued by Coast Guard (35,875) and Navy (36,084). The 10 non-governmental organizations (Moas, Seawatch, Sos Méditerranée, Sea Eye, Doctors Without Borders, Proactiva Open Arms, Life Boat, Jugend Rettet, Boat Refugees, Save the Children) have rescued 46,796 migrants".

 

 

This is how the phenomenon last spring was. I was surprised how the Italian State had not yet intervened. Applying the crime of facilitating illegal immigration, it is clear that the activities of these NGOs, according to state logic, once had been "stabilized" more, would be perceived as a real free aid to human trafficking and therefore as an accomplice action.
This was never my opinion, but I was amazed (with pleasure and suspicion) about how the Italian State did not reason to speak as the Italian State. It took a few weeks and the issue broke out in the eyes of Italian public opinion, and from that day in late April never left the front pages of newspapers.
For some days, the Jugend Rettet Iuventa ship is anchored in the port of Trapani, blocked by local authorities. Other boats have been cyclically "stopped" over the past few weeks as a result of the restrictive policy imposed by Italian Minister of Interior, Marco Minniti.
The "Dadaist" Italian debate is all about a hypocritical and non-existent boundary. Whether or not non-governmental organizations have contact with traffickers. If they do not, they should not have any problems hosting a police officer on board as required by the Minniti code to which all NGOs have been called to sign. If they do, it is obvious that they will not accept to accommodate a police officer on board. So they say.
I recall, perhaps because I got to know the subject, what I thought in April: it is obvious that, to get under the Libyan coasts, these NGOs will sooner or later begin to cross with the traffickers. Their goals are far different: the NGOs want to save lives, traffickers want to make money. Both can reach their goal without hindering, indeed they can mutually help themselves to achieve their goals, so it is normal that at some point a certain collaboration will be established. For example: if a trafficker calls an NGO on the phone, warning of the departure of a migrant boat, escorts it up to a certain point (often with the complicity of the Libyan coast guard) and the "delivery" to a boat belonging to an NGO where they had been dating, said in all frankness: but what's wrong ???

 

 

If this is the topic of discussion, I claim to be in favor of "humanitarian crime" as they have defined it. I've always been.
Not only that, but it is quite obvious that humanitarian rescue and investigative activities must be kept strictly separate!
But unfortunately I am convinced that this is the false topic of discussion.
The scope of this practice would be in the configuration of the pull factor. That is, when migrants know that a few miles away from the Libyan coast there will be an European boat to save them, this will attract them with less fear. This reasoning of the pull factor has a Nazi thing that I can not explain. The fantozzian and cynical application of Olympic rules to a tragedy: migrants have to make their own way alone without any help to reach the Italian coasts, or they will be disqualified.
All the argument about the pull factor is state sadism, it is fascism exercise hidden behind the articles of a code.
The "pull factor" is the empty European rhetoric on the African rough realities.
The pull factor exhausts our minds that should rather be concerned with the push factor.
When a migrant decides to march from Nigeria, Niger, Gambia, Mali, Chad, Sudan, Somalia to reach Europe and has already arrived in Libya, at this point his affair is already a tragedy. At this point, we Europeans are already responsible for denying this person the conditions for staying in his country, producing and selling the weapons that have bled his country and the resources of his country.
When a migrant is in Libya, far better coming to Europe now. The "pull factor" counts zero. Clinging to the pull factor is a quasi-death sentence, it is a condemnation to remain in Libyan hell.

 

 

But to conclude reasoning, of course, this theater has to end: 12 miles dangling on an inflatable boat, then transhipping on a NGO's boat, then transhipping on a ship of the Italian Guardi coast and finally the mainland.
We need a census of migrants present in Libya and the preparation of legal and state organized transfers from Libya to Europe with the involvement of all EU Member States.
It is necessary for Europe to begin to deal with the guilt and consequences of its thirst for power and money. Selling weapons for years in Saudi Arabia has meant that those weapons would end in Africa, in an agreement that included the use of the soldiers of those African states in the Yemen war that the Saudis are fighting with the blood of others.
This massive presence of weapons in reason has led to the collapse of state structures in these countries, and the power in fact is in the hands of criminal networks that handle the exploitation of migrant traffic (now in seizure throughout Africa) and cocaine traffic, as well as relations with Western multinationals present on the territory and the related sale of the it.
Talking about "pull factors" means hiding behind a finger and not seeing the breed of butchers we are, with good faith from the Confindustria Italiana who raised the dividends with the Saudis, with the former premier Renzi in the front row, the one who suggests to help "them" at thier home.

 

So I claim what they call "humanitarian crime," but I consider mass migration a tragedy, that is, what it really is, and not an invitation to the new European young dandies party, those of NGOs, those who do not want police on board, but they can not point the index in the right direction, because children of the same opulence.

Michelangelo Severgnini
 

 

 

 

Dieci anni fa esatti mi apprestavo ad iniziare le riprese di un road-movie, lavoro che poi alla fine, benché terminato, non venne mai presentato. E ancora rimane lì, inedito. Il titolo è "Yakamoz", una parola turca che significa: "chiaro di luna piena sul Bosforo". Il viaggio partiva da Bari e terminava ad Istanbul. Protagonista era Anila, una violinista albanese residente a Bari che dopo diverse peripezie giungeva finalmente sulle sponde del Bosforo, di fronte alla luna piena riflessa.
Anila si era trovata, suo malgrado, all'interno di un traffico di migranti dalla Turchia all'Europa e ne era diventata inconsapevole corriere. Questo traffico però non era allestito a fini di lucro. I trafficanti, per la precisione, praticavano consapevolmente quello che nei giorni scorsi in Italia è stato definito "reato umanitario".

 

 

Con questa espressione si è voluto indicare il lavoro di chi per ideologia, sensibilità e comunque per scelta personale, decide di facilitare i migranti nel raggiungimento del paese di destinazione della loro migrazione, senza però trarre profitto da questo lavoro, a costo di violare le leggi degli Stati attraversati e pertanto commettendo reato.
Nel gennaio 2016 fui invitato dal Globale Film Festival di Berlino a proiettare "Isti'mariyah". Qualche giorno prima l'organizzatore mi chiese se avessi nulla in contrario a che tra la proiezione e il dibattito un gruppo di giovani avessero presentato la loro organizzazione, "Jugend rettet", che si proponeva di raccogliere fondi per allestire un'imbarcazione in grado di salvare i migranti in mare nel Mediterraneo. Acconsentii. I ragazzi però a sorpresa non si presentarono.
Ho cercato però di non perderli di vista. Mi sono tenuto informato finché la primavera scorsa mi sono reso conto che il fenomeno stava assumendo caratteristiche rilevanti.
Secondo un rapporto dell'UNHCR, "dal 1 gennaio al 30 aprile 2017 i migranti soccorsi dalle Ong sono stati 12.346, pari al 33% dei salvataggi in mare. Secondo il rapporto della Guardia costiera, nel 2016 i migranti soccorsi tra il nord Africa e l'Italia sono stati 178.415 e di questi poco meno della metà sono stati messi in salvo da Guardia costiera (35.875) e Marina militare (36.084). Le 10 organizzazioni non governative (Moas, Seawatch, Sos Méditerranée, Sea Eye, Medici senza frontiere, Proactiva Open Arms, Life Boat, Jugend Rettet, Boat Refugee, Save the Children) che operano nel Mediterraneo centrale hanno salvato 46.796 migranti".

 

 

Questo è come si presentava il fenomeno la scorsa primavera. Mi ero sorpreso di come lo Stato Italiano non fosse ancora intervenuto. Vigendo il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, è chiaro che l'attività di queste Ong, secondo la bieca logica di Stato, più si fosse "stabilizzata", più sarebbe stata percepita come un vero aiuto gratuito al traffico di esseri umani e pertanto come un'attività complice. 
Questa non è mai stata la mia opinione, ma mi meravigliavo (con piacere e sospetto) di come lo Stato Italiano non ragionasse da Stato Italiano. Tempo poche settimane e la questione è scoppiata sotto gli occhi dell'opinione pubblica italiana e da quel giorno di fine aprile non ha mai abbandonato le prime pagine dei giornali.
Da alcuni giorni la nave Iuventa della Jugend Rettet è ancorata nel porto di Trapani, bloccata dalle autorità locali. Altre imbarcazioni sono state ciclicamente sottoposte a "stato di fermo" nelle scorse settimane, come conseguenza della politica restrittiva varata dal ministro degli Interni italiano, Marco Minniti.
Il "dadaista" dibattito italiano tutto si divide su un confine ipocrita e inesistente. Se cioè le organizzazioni non governative abbiano contatti con i trafficanti o meno. Qualora non li abbiano, non dovrebbero avere nessun problema ad ospitare un funzionario di polizia a bordo come richiesto dal codice Minniti a cui tutte le Ong sono state chiamate ad apporre una firma. Qualora li abbiano, è evidente che non potranno accettare di ospitare un funzionario di polizia a bordo. Così si dice.
Ricordo, forse per conoscere l'argomento, che già ad aprile pensai: è ovvio che per spingersi fin sotto alle coste libiche queste Ong prima o poi cominceranno ad incrociarsi con i trafficanti. I loro obiettivi sono avulsi l'un l'altro: le Ong vogliono salvare vite umane, i trafficanti vogliono far soldi. Entrambi possono raggiungere il loro obiettivo senza ostacolarsi, anzi, possono reciprocamente aiutarsi a raggiungere i rispettivi obiettivi, pertanto è normale che ad un certo punto si instaurerà una certa collaborazione. Per fare un esempio: se un trafficante chiama al telefono una Ong avvisando della partenza di una imbarcazione di migranti, scorta la stessa fino ad un certo punto (spesso con la complicità della guardia costiera libica) e la "consegna" ad una imbarcazione appartenente ad una Ong là dove si erano date appuntamento, detto in tutta franchezza: ma che male c'è???

 

 

Se questo è l'argomento di discussione, io rivendico di essere a favore del "reato umanitario", così come loro lo hanno definito. Lo sono sempre stato.
Non solo, ma è del tutto ovvio che l'attività umanitaria di salvataggio e l'attività di indagine debbano essere tenute rigorosamente separate!
Ma purtroppo sono convinto che questo sia il falso argomento di discussione. 
La reità di tale pratica starebbe nella configurazione del "pull factor", del fattore di attrazione. Ossia, nel momento in cui i migranti sanno che a poche miglia dalla costa libica ci sarà una imbarcazione europea a salvarli, questo li attrae a salpare con meno timore. Questo ragionamento del "pull factor" ha un che di nazista che non so spiegare. L'applicazione fantozziana e cinica delle regole olimpiche a una tragedia: i migranti devono farcela da soli a raggiungere le coste italiane, sennò non vale.
Tutta la discussione sul "pull factor" è sadismo di Stato, è esercizio di fascismo nascosto dietro gli articoli di un codice.
Il "pull factor" è la retorica vuota dell'europeo sulla realtà cruda dell'africano.
Il "pull factor" esaurisce le nostre menti che dovrebbero piuttosto interessarsi del "push factor", del fattore di spinta.
Quando un migrante decide di mettersi in marcia dalla Nigeria, dal Niger, dal Gambia, dal Mali, dal Ciad, dal Sudan, dalla Somalia, per raggiungere l'Europa ed è già arrivato in Libia, a questo punto la sua vicenda è già una tragedia. A questo punto noi europei siamo già responsabili di aver negato a questa persona le condizioni per restare nel suo paese, producendo e vendendo le armi che hanno insanguinato il suo Paese e lucrando sulle risorse del suo Paese.
Quando un migrante si trova in Libia, molto meglio che venga in Europa ormai. Il "pull factor" conta zero. Aggrapparsi al "pull factor" è una sentenza di quasi-morte, è una condanna a restare nell'inferno libico.

 

 

Ma per concludere il ragionamento, certo, questo teatrino deve finire: 12 miglia a penzoloni su un gommone, poi il trasbordo su una imbarcazione di una Ong, poi il trasbordo su una nave della Guardia costiera italiana e infine la terraferma. 
Occorre un censimento dei migranti presenti in Libia e l'allestimento di trasferimenti legali e organizzati dalla Libia all'Europa, con il coinvolgimento di tutti gli Stati membri dell'UE.
Occorre che l'Europa cominci a fare i conti con la colpa e le conseguenze della propria sete di potere e denaro. Vendere armi per anni all'Arabia Saudita ha fatto sì che quelle armi finissero in Africa, all'interno di un accordo che prevedeva l'impiego dei soldati di quegli Stati africani nella guerra in Yemen che i Sauditi stanno combattendo con il sangue degli altri.
Questa massiccia presenza di armi nella ragione ha prodotto il collasso delle strutture statali di questi Paesi, e il potere di fatto è in mano a reti criminali che gestiscono lo sfruttamento del traffico di migranti (ormai in stato di sequestro lungo tutto il tragitto in Africa) e il traffico di cocaina, nonché i rapporti con le multinazionali occidentali presenti sul territorio e la relativa svendita dello stesso. 
Parlare di "pull factor" significa nascondersi dietro un dito e non vedere che razza di macellai siamo, con buona pace della Confindustria Italiana che ha risollevato i dividendi con le armi ai Sauditi, con l'ex premier Renzi in prima fila, quello che suggerisce di aiutarli a casa loro.

 

Quindi io rivendico quello che loro chiamano "reato umanitario", ma considero le migrazioni di massa una tragedia, cioè quello che realmente sono, e non un invito al party dei nuovi giovani dandies europei, quelli delle Ong, quelli che non vogliono polizia a bordo, ma non sanno puntare l'indice nella direzione giusta, perché figli dello stesso benessere.
 

Michelangelo Severgnini 

sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox