France is at war and always has been - La Francia è in guerra e sempre lo è stata

I confess that for ten days now I can no longer read the newspapers, especially the first few pages. If all goes well, I jump many pages. Or I look for some glimmer of reasonableness in some political megazine. It seems to be like in those situations when a passerby stops you in the street and bothers you with abstruse and out of context explanations, grasping your arm and making you waste time and all you'd like to say is: "Leave me, go to bother someone else".
So, to seek refuge or some kind of answer, I came across a couple of online movies that have suggested me the following reflections. The first is entitled "Munich" by American director Steven Spielberg, released in 2005, which tells the story of Operation "Wrath of God" with which the Israeli government intended to eliminate a number of Palestinian figures in response to the terrorist attack which took place in Olympic village in Munich in 1972 that led to the death of 11 Israeli athletes and members of the Palestinian commando belonging to the group known as Black September.
The second movie I watched these days is titled "Body of Lies" by British director Ridley Scott, released in 2008, and describes the activity of an American secret agent between Jordan and Iraq to work in the identification and elimination of Islamic terrorists.
Well, these two films have impressed me for a couple of analogies that have given me food for thought. The first is that in both films the main activity of the protagonists is the elimination of Arabs, alleged terrorists. From the start to the end there are only Arabs in the viewfinder, with some collateral fallen and in the case of "Munich" the initial massacre of Israeli athletes (war stories always start when the protagonist is attacked, never when he is to attack, so this story told by Spielberg could only begin with the massacre of Israelis in 1972, certainly not with the massacre of Palestinians in 1948).
The second most succulent analogy lies in the final of the two films, which almost look like a photocopy, inspired by the same principles and above all by the same aims.
In the case of Spielberg, as said, already since when the film begins is strongly arbitrary and gives an impression to the whole following story. The protagonist is a young family man who is given the job of leading a cell of secret service in charge of the elimination of Palestinians. At task almost complete, having discovered to be now trapped in the mesh of international espionage and therefore in turn targeted by someone else, decides to leave his post and in the last minutes of the film, walking on a beach in New York with the Israeli responsible of the government, confides saying himself disgusted with a war that will never end and never will have any winner.
Same about the last scene of "Body of lies". The protagonist, escaped beheading in the hands of terrorists who had kidnapped him with the agreement of the Jordanian intelligence with which the same American agent was working, declares to his superior from CIA, flown to Amman to make sure his agent doesn't give up right now, that is no longer willing to do this job in a war without end and without any winner.
Nothing better to the ears of the average western watcher short of a clean conscience. Who started the war? We, they? Who brought forward with inhuman methods? We, they? As always, we are offered a binary choice: us or them. But while we think, we have already given our choice for the good main assumption: us or them.
There are now more than 10 years since I slam my head on this "us-them". When I went to Baghdad in July 2004 I worked a lot about myself against this concept. I told myself that there is no "us-them" and indeed I repeated the anarchist mantra "Our homeland is the whole world". So I could feel at home in Baghdad, dispite 50 degrees in the shade, dispite even hearing the bang of a carbomb every day. Perhaps that's why no one noticed me: because I felt at home.
But look at the figures of the two protagonists of the film. They are "just" people, or at least presented as such, that at some point call themselves out of barbarism. When this happens, however, in the end, the watcher already knows that the only way to fight "this war" is to use the same means of the enemy. So is the enemy who uses these means first. And the "just" have to adapt if they don't want to succumb. Or, if they are so much "just", they can step aside and let someone else carry out the dirty work, which is exactly the case of the average western watcher. He did well the Israeli protagonist of "Munich" to leave his post, each of the Western average watchers, with his wife and children, would do the same. Well did also the spy of "Body of lies", with a little variation. He admits, however, that will not return to the United States, because he "loves" the Middle East, he is also in love with a beautiful Jordanian girl, he will stay there to live, because although that is perhaps the worst place on earth, it is him love. The face of Leonardo DiCaprio saying these words with swollen eyes and even the sign of the knife on the neck makes his words absurd and his character not credible. It does not matter. Even if the average watcher does not identify with these words, he learns that in the West there is also the freedom to fall in love with the executioners, at high price. A move rather subtle and convincing: we all know what is the right place for the little face of Leonardo DiCaprio, and it is certainly not the Middle East.
And it is at the end of the second film that I have united the pitches of lines that went for a walk in my mind. And I thought: this Hollande declaring France under attack, France into war, and promises that its aircrafts will hit hard and will hurt, from the pen of which screenwriter came out?
Four idiots shooting wildly and blowing themselves up in the streets of Paris are quite similar to the four jerks that were circling Boeing 757 over the skies of Manhattan as if they were paper airplanes and then crashed the twin towers and made them collapse like sandcastles in September 2001. The Belgians, who are people a little more serious, like the Germans, have sounded the alarm, have kept people at home, showed empty streets patrolled by the military, they canceled football matches but at least they spared the dead and stuntmen.
I wonder if President Hollande and those who recognize themselves in his words know the history of the "widows of New Jersey". Four women of four victims of the September 11 hijackings, that with four questions (strictly unanswered) ridicule an entire country or perhaps an entire hemisphere, the north-western, hypnotized by special effects.
But have we already forgotten that only a few months ago Tony Blair was forced to apologize and admit that the attack on Iraq was already planned? He also tells us that Isis is a result of that war. All in all it makes about 1 million 500 thousand Arabs died in the last 12 years. Who pays, Mr. Blair? Possible that there is no international court that might suggest him a place to spend the rest of his days with his friend Bush?
Meanwhile, Isis became as the fake hare in the greyhound race. Everybody chases it, everyone says they want to take it, no one takes it, and war, the real race, the competition is not between greyhounds and (fake) hare, but among the greyhounds themselves. The Isis is the right excuse to arm themselves, to bomb, to reserve a place at the table at the gala of the Middle East. As soon as one makes his play (see Russia), there is now someone (see Turkey) to revive the post and to escalate this game out of all logic which can lead to a world war.
And companies making weapons do staggering business: at least 3 percentage points up for Raytheon Company, Northnop Grumman Corporation, Lockheel Martin Corporation, General Dynamics, Booz Allen Hamilton Holding and Thales. Is it so that Mr. Hollande thinks to raise the economy of his country?
However a good thing he said, François Gérard Georges Nicolas Hollande: "France is at war." Over there in Mali and other places in Africa the people already knew, especially those considered side effects and eliminated by French special forces in search of uranium since March 2012 and subsequent bombing. Ah, then there are many others who already knew the news around the world, for over a century.
Now, for our sake, we know ourselves: France is at war. The story of the fictional film begins, however, on November 13, 2015. Enjoy.
 
Michelangelo Severgnini 

 

Confesso che da dieci giorni ormai non riesco più a leggere i giornali, soprattutto le prime pagine. Se va bene, salto di molte pagine. Oppure cerco in qualche rivista specialistica qualche barlume di ragionevolezza. Mi sembra di essere come in quelle situazioni quando un passante ti ferma per la strada e ti importuna con spiegazioni astruse e fuori contesto, afferrandoti per un braccio e facendoti perdere tempo e tutto ciò che gli vorresti dire è: „mi lasci perdere, vada a importunare qualcun altro".
Così, per cercare rifugio o chissà quale risposta, mi sono imbattutto nella visione online di un paio di film che mi hanno suggerito le riflessioni che seguono. Il primo si intitola „Munich" del regista statunitense Steven Spielberg, uscito nel 2005, che racconta la storia dell‘Operazione „Ira di Dio" con cui il governo israeliano intendeva eliminare tutta una serie di personaggi palestinesi come risposta all‘atto terroristico avvenuto nel villaggio olimpico di Monaco nel 1972 che portò alla morte di 11 atleti israeliani e dei membri del commando palestinese appartenente al gruppo denominato Settembre Nero.
Il secondo film che ho guardato in questi giorni si intitola „Nessuna verità" del regista britannico Ridley Scott, uscito nel 2008, che racconta l‘attività di un agente segreto americano tra Giordania e Iraq all‘opera nell‘individuazione ed eliminazione di terroristi islamici.
Bene, questi 2 film mi hanno colpito per un paio di analogie che mi hanno dato da pensare. La prima è che in entrambi i film l‘attività principale dei protagonisti è l‘eliminazione di Arabi, presunti terroristi. Dall‘inizio alla fine ci sono solo Arabi nel mirino, con qualche caduto collaterale e nel caso di „Munich" il massacro iniziale degli atleti israeliani (le storie di guerra cominciano sempre nel momento in cui il protagonista subisce un attacco, mai quando è lui ad attaccare, pertanto questa storia narrata da Spielberg poteva cominciare solo con il massacro di Israeliani nel 1972, non certo con il massacro di Palestinesi nel 1948).
La seconda più succulenta analogia sta nel finale dei due film, che sembra quasi un finale fotocopia, ispirato dagli stessi principi e soprattutto dagli stessi obiettivi.
Nel caso di Spielberg, come detto, già il momento in cui il film comincia è fortemente arbitrario e dà un‘impronta a tutto il seguito dell storia. Il protagonista è un giovane padre di famiglia a cui viene dato l‘incarico di guidare una cellula dei servizi segreti incaricata dell‘eliminazione di Palestinesi. A compito quasi ultimato, scopertosi ormai in trappola tra le maglie dello spionaggio internazionale e pertanto a sua volta nel mirino di qualcun altro, decide di lasciare l‘incarico e negli ultimi minuti del film, passeggiando su una spiaggia di New York con il responsabile del governo israeliano si confida dicendosi disgustato da una guerra che non avrà mai fine e mai nessun vincitore.
Ugualmente l‘ultima scena di „Nessuna verità". Il protagonista, scampato alla decapitazione nelle mani di alcuni terroristi che lo avevano rapito con l‘accordo dei servizi segreti giordani con cui lo stesso agente americano stava lavorando, dichiara al suo superiore della CIA, volato ad Amman per assicurarsi che il proprio agente non molli proprio ora, che non è più disposto a fare questo mestiere in una guerra senza fine e senza nessun vincitore.
Niente di meglio per le orecchie dello spettatore medio occidentale a corto di coscienza pulita. Chi ha cominciato la guerra? Noi, loro? Chi l‘ha portata avanti con i mezzi più disumani? Noi, loro? Come sempre ci viene offerta una scelta binaria: noi o loro. Ma mentre pensiamo alla nostra scelta già abbiamo dato per buono l‘assunto principale: noi o loro.
Sono ormai più di 10 anni che sbatto la testa su questo „noi-loro". Quando nel luglio 2004 andai a Baghdad lavorai molto su me stesso contro questo concetto. Mi dissi che non esiste il „noi-loro" e anzi mi ripetevo il mantra anarchico „nostra patria è il mondo intero". Così riuscivo a sentirmi a casa anche a Baghdad, anche a 50 gradi all‘ombra, anche sentendo il botto di un‘autobomba al giorno. Forse per questo che nessuno mi ha notato e mi ha torto un capello: perché mi sentivo a casa.
Ma analizziamo le figure dei 2 protagonisti dei film. Sono persone „giuste", o perlomeno presentate come tali, che ad un certo punto si chiamano fuori dalla barbarie. Quando ciò avviene però, nel finale, lo spettatore sa già che l‘unico modo per combattere „questa guerra" è quella di usare gli stessi mezzi del nemico. Quindi è il nemico che usa questi mezzi per primo. E i „giusti" si devono adeguare se non vogliono soccombere. Oppure, se sono davvero tanto „giusti", possono farsi da parte e lasciare che il lavoro sporco lo svolga qualcun altro, che è esattamente il caso dello spettatore medio occidentale. Ha fatto bene il protagonista israeliano di „Munich" a lasciare l‘incarico, ognuno degli spettatori medi occidentali, con moglie e figli, avrebbe fatto lo stesso. Bene ha fatto anche la spia di „Nessuna verità", con una piccola variante. Lui confessa che però non tornerà negli Stati Uniti, perché lui „ama" il Medio Oriente, si è anche innamorato di una bellissima ragazza giordana, lui rimarrà lì a vivere, perché anche se quello è forse il posto peggiore della terra, lui ne è innamorato. Solo che la faccia di Leonrado DiCaprio che dice queste parole che gli occhi tumefatti e ancora il segno della lama di coltello sul collo rendono le sue parole assurde e il suo personaggio non credibile. Non importa. Anche se lo spettatore medio occidentale non si riconosce in queste parole impara che in Occidente c‘è anche la libertà di innamorarsi dei propri carnefici, a caro prezzo. Una mossa piuttosto sottile e convincente: tutti sappiamo quale sia il posto giusto per il faccino di Leonardo DiCaprio, non certo il Medio Oriente.
Ed è alla fine di questo secondo film che allora ho unito i punti delle linee che andavano a spasso per la mia mente. E mi sono detto: ma questo Hollande che dichiara la Francia sotto attacco, la Francia in guerra e che promette che i suoi aerei colpiranno duro e faranno male, dalla penna di quale sceneggiatore è uscito?
Quattro cretini che sparano all‘impazzata e si fanno saltare in aria per le vie di Parigi sono del tutto assimilabili ai quatttro cretini che facevano volteggiare Boing 757 sui cieli di Manhattan come fossero aeroplanini di carta per poi schiantarli contro le torri gemelle e farle crollare come castelli di sabbia nel settembre 2001. I Belgi, che sono gente un po‘ più seria, come i Tedeschi, hanno lanciato l‘allarme, hanno tenuto la gente a casa, hanno mostrato le strade deserte presidiate dai militari, hanno annullato partite di calcio, ma almeno ci hanno risparmiato morti e controfigure.
Mi chiedo se il presidente Hollande e quanti si riconoscono nelle sue parole conoscano la storia delle „vedove del New Jersey". Quattro mogli di quattro vittime dei dirottamenti dell‘11 settembre, che con quattro domande (rigorosamente senza risposta) ridicolizzano un‘intera nazione o forse un intero emisfero, quello nord-occidentale, ipnotizzato degli effetti speciali.
Ma ci siamo già dimenticati che solo un paio di mesi fa Tony Blair è stato costretto a chiedere scusa e ad ammettere che l‘aggressione all‘Iraq era già pianificata? Ci dice anche che l‘Isis è una conseguenza di quella guerra. In tutto fanno circa 1 milione 500 mila morti arabi negli ultimi 12 anni. Chi paga, signor Blair? Possibile che non ci sia nessun tribunale internazionale che le possa suggerire un posto dove spendere il resto dei suoi giorni insieme al suo amico Bush?
Intanto l‘Isis è diventato come la lepre finta nella corsa dei levrieri. Tutti lo inseguono, tutti dicono di volerlo prendere, nessuno lo prende, e la guerra, la sfida vera, la competizione, non è tra levrieri e lepre (finta), ma tra i levrieri stessi. L‘Isis è la scusa giusta per armarsi, per bombardare, per riservarsi un posto a tavola al gran gala del Medio Oriente. Non appena uno fa la sua giocata (vedi la Russia), c‘è subito qualcuno (vedi la Turchia) pronto a rilanciare la posta in un'escalation fuori ogni logica che può portare a una guerra mondiale.
Comunque una cosa giusta l‘ha detta François Gérard Georges Nicolas Hollande: „la Francia è in guerra". Laggiù in Mali e in altri posti dell‘Africa la gente già lo sapeva, soprattutto quelli considerati effetti collaterali ed eliminati dalle forze speciali francesi in cerca di uranio a partire dal marzo 2012 e dai successivi bombardamenti a tappeto. Ah, poi ci sono tanti altri che già sapevano questa notizia in giro per il mondo, ormai da più di un secolo.
E le compagnie di fabbricazione di armi fanno affari da capogiro: almeno 3 punti percentuali in più in borsa per Raytheon Company, Northnop Grumman Corporation, Lockheel Martin Corporation, General Dynamics, Booz Allen Hamilton Holding e Thales. E‘ così che il signor Hollande pensa di risollevare l‘economia del suo Paese?
Tuttavia una cosa giusta l'ha detta, François Gérard Georges Nicolas Hollande: "La Francia è in guerra". Laggiù in Mali e in altri luoghi in Africa, le persone già sapevano, soprattutto quelli considerati effetti collaterali ed eliminati dalle forze speciali francesi in cerca di uranio dal marzo 2012 e i successivi bombardamenti. Ah, poi ci sono molti altri che già conoscevano la notizia in tutto il mondo, da oltre un secolo.
Ora, bontà nostra, lo sappiamo anche noi: la Francia è in guerra. La storia del film di finzione comincia però il 13 novembre 2015. Buona visione. 
 
Michelangelo Severgnini  

sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox