10 years windward - 10 anni controvento

Exactly 10 years ago I was in Syria, without permission to do what I was doing, accompanied by a handful of madmen (or brave men), at risk of arrest and deportation, perhaps even something worse, certainly something worse for those who accompanied us. From Damascus to Aleppo, through Masyaf, then Ar-Raqqa, Deir Az-Zor and return. On the streets of Syria I was trying to understand with the need to tell a story. A story that became "Isti'mariyah - windward between Naples and Baghdad" (you know other independent documentaries shot in Syria with these issues before 2011?). I was looking for the source of the Terror, the overriding reasons why Bush had convinced half the world to invade Iraq and to put the entire Middle East under target. Instead the only thing that I found for sure were the effects of Colonialism, beginning with the regime which even then was perfectly recognizable and that was just the other wall of the cage. Between the regime on the one hand and the threat of an American military intervention on the other, a whole generation has been lost in Syria. And maybe I have been with them.
10 years have passed. 10 years I've lived entirely windward. The obsessions of the producers and their subtle aspirations of young ladies of journalism, searching for prizes without excessive trouble, that I defined at the time "the virtuous in the rear", those who live on location and know when it's time to speak and when to shut up (while the Italian left was committing suicide in 2006-8).
This work deserved much greater attention and recognition, at least in Italy, the attention and admiration it went to look abroad, in New York (at ArtEast Festival), in Tehran (at the Moqavemat festival) not to mention the 2 awards (CMCA in Marseille and SoleLuna in Palermo).
Windward since then I have continued, in 2008 when I left my job as a filmmaker for television in Italy (prize Ilaria Alpi 2007) not to turn me into a puppet of the system. When I moved to Istanbul in times when teemed with life outside the European radar. When I moved to Naples and I sent to fuck off half the city (just because it deserves it). When I returned back to Istanbul and even today that I am in Berlin. 10 years windward, with my little certainties and my many obstinacies lost in a sea of ​​doubt. 10 years that exhausted me on one side, but I know that the wind at my back would have wasted me much more. I'm exhausted, but I am here. It's always me. 10 years later, despite all I can say. It is no small thing.
Of that adventure in Syria no one is left. Blown away like the petals of a daisy. The Syrian friends, many died during the uprising, some in prison, under torture. One became Minister of Assad and it is not a good end. Someone has emigrated and became a pawn in the propaganda of the European refugeeism, the political philosophy that is helping the dispossessed fled from war as an opportunity to clean conscience and feel important. Well, survive the cluster bombs of the regime and the long knives of Isis to finally end in the net of neo-European Lutheranism, the same that claims to teach arithmetic to the greek people, is quite a paradox.
In short, a permanent will to ignore this work, especially demonstrated by Italian pundits, the messiah of the day after tomorrow, those that a critical thinking, minimally argued, would wipe out in an instant. Because it is against us that this work points the finger and then against their authority and will continue to do so. There are no brides to help and with which you feel better, there are people who speak clearly and call things by their name. This work is a deep reflection that undermines our own identity and our own chance of survival as a society and as a civilization. We are the first enemy of ourselves. We are people blinded in panic firing blindly and we are exterminating each other.
We fight the Isis for example. Let us make it a reason to dig up the armed internationalist struggle not seen in this part of the world since the Spanish Civil War (1936-39). Let's get in as well anarchists (vegan, feminist and environmentalist but happy in front of the lens with their AK47 produced by the West) and create an empty myth for all the hot spirits of the continent. Let's send them all to fire on the border between Turkey and Syria. On the other side do the same: take all the desperate, all the victims of 10-15-20 years of injustice, those who for generations grow in anger and Koran, give them weapons and send them to the front, too. Finally let them kill each other.
My generation has been in a constant hibernation, but this one is putting the noose around his own neck for not knowing how to manage the impatience. I try to tell them even now: wait, think. Nothing. Reasoning: The Isis is the problem? No, it is not. 15 years of daily violence, occupation, deliberated military intervention produced that anger and that ignorance. I brought my ass in Deir Az-Zor in 2005, I have tried to understand what those young people were feeling. Strings were pulled to the maximum ready to shoot all their fierce anger. And now, these young people diverted and possessed, as consequence, victims of the war on terror of Bush, would it be the problem? No they are not. The problem is always the same. It‘s the American military intervention in Afghanistan and Iraq without a UN mandate that made waste paper of international law. And when Assad begins to exterminate his people on the streets, in front of the cameras, who can intervene at that point? Who has the moral mandate to do so? Who has the moral mandate to require that someone intervene? So it seems fair to provide weapons to the rebels to resolve the matter? And the madness is served. And the criminals (especially our own) are all still at large.
Madness. Anxiety. Ugly beasts to escape from which humans invent everything. Even going to fight against Isis as anarchists!?!?
The tragic misunderstanding is served, the Gramscian "take part", "side". But if you take side in a dynamic of "divide and rule", you are not Gramsci, you are an idiot !!!
And so here we are, 10 years later, from Naples to Damascus, to Baghdad, to end up in Berlin, 15 degrees in July and the rain now pouring down like a normal fall.
As for Syria and as for this crushed Europe. Hard to imagine what will happen to us. I imagined 10 years ago that the Internet would run faster than regimes and so it was. I imagined that the war would come to Syria and it did. Because "Isti'mariyah" was also a prophetic documentary.
But today I do not feel in the mood for prophecies. With the head directed toward the heart of the storm I get carried on a route that is a result of the conflict between my stubbornness and the adversities of life.
Today I put myself in the front row among the losers. 10 years ago it was still time to prevent this massacre. It was not too late to build a new relationship between the four sides of the Mediterranean sea and also to restore the two essential principles of international law which we all need so much today. It was not too late to save Europe from the Lutheran madness. Today I do not know.
Today is just an anniversary for me. For everyone else, it's a day like any other.

For those in Berlin, we'll see you Thursday, July 16, 2015 at 8 pm at the cinema Babylon.

https://www.facebook.com/events/391574444364899/ 

 

Esattamente 10 anni fa mi trovavo in Siria, senza permessi per fare quello che stavo facendo, accompagnato da un manipolo di folli e incoscienti (o coraggiosi), a rischio di arresto ed espulsione, forse anche qualcosa di peggio, sicuramente qualcosa di peggio per chi ci accompagnava. Da Damasco ad Aleppo, passando per Masyaf, poi Ar-Raqqa, Deyr Az-Zor e ritorno. Sulle strade della Siria cercavo di capire con la necessità di raccontare una storia. Una storia che è poi diventata „Isti‘mariyah - controvento tra Napoli e Baghdad" (conoscete altri documentari indipendenti girati in Siria con questi temi prima del 2011?). Cercavo le sorgenti del Terrore, le ragioni inderogabili per cui Bush aveva convinto mezzo mondo ad invadere l‘Iraq e a mettere nel mirino tutto il Medio Oriente. Al contrario l‘unica cosa che trovai per certo furono gli effetti del Colonialismo, a cominciare da quel regime che già allora era perfettamente riconoscibile e che era l‘altro muro della gabbia. Tra regime da una parte e le minacce di un intervento armato americano, un‘intera generazione in Siria si è perduta. E forse io con loro.
Sono passati 10 anni. 10 anni che ho vissuto tutti interi controvento. Le paturnie dei produttori e le loro subdole aspirazioni da signorine del giornalismo, dei premi senza fastidi eccessivi, quelli che io definii a suo tempo „i virtuosi delle retrovie", quelli che vivono di posizione e sanno quando è il momento di parlare e quando quello di stare zitti (mentre la sinistra italiana si suicidava nel 2006-8).
Questo lavoro che avrebbe meritato ben altra attenzione e riconoscimenti, almeno in Italia, l‘attenzione e l‘ammirazione se l‘è andata a cercare all‘estero, a New York (all‘ArtEast Festival), a Teheran (al Moqavemat festival), per non parlare dei 2 premi vinti (CMCA di Marsiglia e SoleLuna di Palermo).
Controvento da allora ho continuato, quando ho lasciato nel 2008 il mio lavoro di documentarista televisivo in Italia (premio Ilaria Alpi 2007) per non trasformarmi in una marionetta del sistema. Quando mi sono trasferito a Istanbul in tempi in cui brulicava di vita fuori dai radar europei. Quando mi sono trasferito a Napoli e ho mandato affanculo mezza città (perché semplicemente se lo merita). Quando sono tornato di nuovo a Istanbul e anche oggi che sono a Berlino. 10 anni controvento, con le mie piccole certezze e le mie tante ostinazioni perdute in un mare di dubbi. 10 anni che mi hanno logorato da un lato, ma so bene che il vento in poppa (certo vento in poppa) mi avrebbe guastato molto di più. Sono logoro, ma sono io. Sono sempre io. 10 anni dopo, nonostante tutto lo posso dire. E non è poco.
Di quell‘avventura in Siria non è rimasto più nessuno. Portati via dal vento come i petali di una margherita. Degli amici siriani, molti sono morti durante la rivolta, alcuni in carcere, sotto tortura. Uno è diventato ministro di Assad e non è una bella fine. Qualcuno è emigrato ed è diventato una pedina nella propaganda europea del profughismo, quella filosofia politica che trova nell‘aiuto ai diseredati in fuga dalle guerre l‘occasione per pulirsi la coscienza e sentirsi importante. Ebbene, sopravvivere alle cluster bombs del regime e ai lunghi coltelli dell‘Isis per finire tra le maglie del neo-luteranesimo europeo, lo stesso che pretende di insegnare a far di conto al popolo greco per intenderci, è un bel paradosso.
Insomma, una pervicace volontà di ignorare questo lavoro, dimostrata soprattutto dai soloni italiani, i messia del dopodomani, quelli che un pensiero critico minimamente argomentato spazzerebbe via in un istante. Perché è contro di noi che questo lavoro punta il dito e quindi contro la loro autorità e continuerà a farlo. Non ci sono spose da soccorrere e con cui sentirsi più buoni, ci sono persone che parlano chiaro e chiamano le cose con il loro nome. Questo lavoro è una riflessione profonda che mette in crisi la nostra identità e le nostre stesse chance di sopravvivenza come società e come civiltà. Siamo noi il primo nemico di noi stessi. Siamo gente accecata in preda al panico che spara alla cieca e ci stiamo sterminando a vicenda.
Combattiamo l‘Isis per esempio. Facciamone una ragione per riesumare la lotta armata internazionalista che non si vedeva da queste parti dalla guerra civile spagnola (1936-39). Mettiamoci dentro pure gli anarchici (vegani, femministi e ambientalisti ma felici di fronte all‘obiettivo con il loro AK47 di fabbricazione occidentale) e creiamo un mito vacuo per tutti gli spiriti bollenti del continente. Mandiamoli tutti a sparare sul confine tra Turchia e Siria. Dall‘altra parte facciamo lo stesso: prendiamo tutti i disperati, tutte le vittime di 10-15-20 anni di ingiustizie, quelli che da generazioni crescono a rabbia e Corano, diamogli armi e mandiamoli anche loro al fronte. Infine lasciamo che si massacrino a vicenda.
La mia è stata una generazione in costante letargo, ma questa si sta mettendo il cappio al collo da sola per non sapere gestire l‘impazienza. Io provo a dirglielo anche adesso: aspetta, rifletti. Niente. Ragioniamo: l‘Isis è il problema? No, non lo è. 15 anni di violenza quotidiana, di occupazione, di intervento militare deliberato hanno prodotto quella rabbia e quella ignoranza. Io il mio culo a Deyr Az-Zor nel 2005 ce l‘ho portato per capire cosa provassero quei giovani. Erano archi tirati al massimo pronti a scoccare tutta la loro feroce rabbia. E adesso, questi giovani deviati e indemoniati, conseguenza, vittime della guerra al Terrore di Bush, sarebbero il problema? No, non lo sono. Il problema è sempre lo stesso. E‘ l‘intervento armato americano in Afghanistan e Iraq senza mandato ONU che ha fatto carta straccia del diritto internazionale. E quando Assad comincia a sterminare il suo popolo per le strade, a favore di telecamera, chi può intervenire a quel punto? Chi ha il mandato morale per farlo? Chi ha il mandato morale per esigere che qualcuno intervenga? E allora ci sembra giusto fornire armi ai ribelli per risolvere la faccenda? E la follia è servita. E i criminali (specialmente i nostri) sono tutti ancora a piede libero.
La follia. L‘ansia. Brutte bestie per sfuggire alle quali gli esseri umani si inventano di tutto. Pure di andare a combattere da anarchici contro l‘Isis!?!?
Il tragico equivoco è servito, il gramsciano „prendere una parte", „parteggiare". Ma se parteggi in una dinamica del „divide et impera", non sei gramsciano, sei un idiota!!!
E così siamo qui, 10 anni più tardi, da Napoli a Damasco, a Baghdad, per finire a Berlino, a 15 gradi a luglio e la pioggia che oggi scende a dirotto come in un normale autunno.
Quanto alla Siria e quanto a questa Europa sbandata. Difficile immaginare che ne sarà di noi. 10 anni fa immaginai che internet avrebbe corso più veloce dei regimi e così è stato. Immaginai che la guerra sarebbe arrivata in Siria e così è stato. Perché „Isti‘mariyah" è stato anche un documentario profetico.
Oggi però non mi sento in vena di profezie. Con la punta diretta verso il cuore della tempesta mi lascio trasportare su una rotta che è il risultato del conflitto tra la mia ostinazione e l‘avversità della vita.
Oggi mi metto in prima fila tra gli sconfitti. 10 anni fa si era ancora in tempo per evitare questo massacro. Si era ancora in tempo per costruire un nuovo rapporto tra le 4 sponde del Mediterraneo e anche per ristabilire quel paio di principi essenziali di diritto internazionale di cui avremmo tutti tanto bisogno oggi. Si era ancora in tempo per salvare l‘Europa dalla follia luterana. Oggi non lo so.
Oggi è solo un anniversario per me. Per tutti gli altri, è un giorno come un altro.

Per chi è a Berlino, ci vediamo giovedì 16 luglio 2015 alle 20 al cinema Babylon.

https://www.facebook.com/events/391574444364899/ 

sviluppato dalla MFM - ottimizzato per una visione a 1024x768 su Mozilla Firefox